Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
A morte per aver propagato l'aids PDF Stampa E-mail
Scritto da www.noreporter.org   
Giovedì 06 Maggio 2004 01:00

Due medici e cinque infermieri, riconosciuti in Libia colpevoli di infanticidio e di epidemia, andranno incontro alla pena capitale. Ben diversamente dagli analoghi casi in Europa.

In tribunaledi Bengasi,alla conclusione diun processo durato quattro anni, ha condannato a morte sei bulgari e un palestinese riconosciuti colpevoli di aver propagato l’aids in un ospedale pediatrico.

La sentenza è stata pronunciata in virtù della legge 305 che stipula la pena capitale nei confronti di chiunque causi la morte di più di una persona.

Il tribunale ha stabilito che i sette, due medici e cinque infermieri, hanno causato la morte di 46 bambini e ne hanno infettati 380 e che, pertanto, saranno fucilati.

La notizia è stata resa nota dall’agenzia di stampa francese AFP che ha omesso di ricordare come, in un caso identico, medici e uomini politici francesi colpevoli coscientemente del medesimo reato compiuto a solo scopo di lucro se la cavarono, Oltralpe, con pene irrisorie che non hanno nemmeno stroncato le carriere politiche di chi fu coinvolto nell’olocausto degli emotrasfusi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.