Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ai coloni dei territori: "Cari Fratelli.." PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Domenica 09 Maggio 2004 01:00

Deborah Faith,giornalista italo-israeliana si è cosi rivolta ai coloni israeliani della striscia di Gaza minacciati di trasferimento dal piano di Sharon riguardante lo smantellamento delle colonie ebraiche . L' articolo è tratto dal sito : http://www.ebraismoedintorni.it/home.cfm

Cari Fratelli

di Deborah Fait

Il mio cuore e' con voi.
Avete lavorato, vi siete rotti la schiena su quei sassi e su quella sabbia e avete creato in Giudea , Samaria e Gaza dei piccoli giardini dell'Eden. Oasi di verde e di pulizia nel caos palestinese che vi circonda.

Siete la' perche' credete fermamente, e avete ragione, che quelle siano terre ebraiche. Avete ragione perche' nei vent'anni in cui quelle terre erano annesse alla Giordania nessuno al mondo, se non noi ebrei, le
reclamava!

Siete la' perche' infine, dopo aver vinto in sei giorni una guerra che invocava il nostro annientamento, le abbiamo riconquistate e voi, fratelli, siete andati a spaccarvi la schiena per piantare filo d'erba dopo filo d'erba, per costruire casa dopo casa, scuola dopo scuola, ospedale dopo ospedale, giardino dopo giardino. Siete la' perche' la' sono morti i vostri figli, molti assassinati ancora bambini nei loro lettini o nei giardini di casa mentre giocavano, assassinati da quei barbari che reclamano terre mai state loro.

Siete la' perche' avete fede e credete che la Giudea sia dei Giudei, lo avevano detto i nostri Padri e nei secoli nessuna popolazione stanziale le aveva volute quelle terre aride dove , se ci si siede su un sasso e si guarda verso il deserto sembra di scorgere in lontananza, tra le dune azzurre e rosa, Abramo, Isacco, Giacobbe e Mose' col suo bastone tra le mani. Siete la' perche' siete ebrei in Erez Israel e non volete consegnare le vostre tradizioni, i vostri ricordi, la vostra terra a chi farebbe di voi e di noi tutti un bel falo' per finire il lavoro del loro grande maestro, Adolf Hitler.

Il mio cuore e' con voi, fratelli, ma dovrete lasciare quelle terre, quelle case, tutti quei prati verdi ai barbari che le reclamano e le dovete lasciare perche' questo sta nell'ordine delle cose dell'ingiustizia umana.

Il mio cuore e' con voi perche' so che dovrete portare via anche i vostri morti per impedire che vengano violati dai barbari che prenderanno il vostro posto e il mio cuore e' con voi e piange con voi perche' la Legge dice che mai ebreo deve essere tolto dalla terra di Israele.
Abbiamo visto cosa hanno fatto a Hebron delle tombe dei Padri, le hanno ridotte a tombe islamiche, Abramo e Sarah, Leah e Giacobbe riposano sotto catafalchi deturpati da scritte in arabo. Si sono presi anche le nostre radici nel tentativo di cancellarci come popolo.
Ma e' rimasto solo un tentativo perche' il popolo del Libro non si cancellera' mai, a dimostrarlo i forni di Aushwitz e i nostri 23mila morti nelle guerre per la distruzione di Israele. E siamo ancora qui.

Li ricorderemo a giorni i nostri morti, prima sei milioni e una
settimana dopo altri 23mila morti nelle guerre e per terrorismo.

Siamo stati un popolo errante fino a quando abbiamo fatto rinascere Israele e adesso ci costringono ad andare anche via dalle nostre terre ancestrali per lasciarle a chi non ne ha diritto. Il mio cuore e' con voi, Fratelli. Piange con voi. Vorrebbe gridare "Non andate via! Quella e' casa nostra, e' casa vostra! La Terra e' di chi la ama e la cura non di chi la odia e la ricopre di sangue"

Voi avete ragione quando dite che vorranno mandarci via anche da Tel Aviv, da Haifa, da Ashdod ma non ce la faranno. Dobbiamo diventare ancora piu' piccoli perche' il mondo sta con i palestinesi e non si preoccupa del transfer di ebrei, ne' si preoccupa degli ebrei assassinati.
Cosi' va il mondo, fratelli, e' la nostra storia millenaria. Dobbiamo dimostrare ancora una volta la nostra forza rinunciando a una parte di Israele, la parte conquistata dopo le loro guerre, la parte che il mondo ci vuole togliere dopo aver fatto una legge apposta sui territori presi in combattimento. Il mio cuore e' con voi, fratelli, dovrete lasciare le vostre case e ogni filo d'erba piantato colle vostre mani e venire in quel pezzo di Israele che ancora ci permettono di tenere. Quando vorranno an

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.