Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Per abolirla PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Venerdì 12 Gennaio 2018 00:14


Alcuni oppongono difficoltà che vanno aggirate

Nella corsa al consenso in vista delle elezioni politiche del prossimo 4 marzo, non mancano le proposte per abolire la legge Fornero sui pensionamenti. Si va da un intervento graduale nell’arco di cinque anni, come ha sottolineato il candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ai cinque mesi reclamati invece da Matteo Salvini, leader della Lega.
I conti però sono difficili da far quadrare. Secondo i calcoli della Ragioneria generale dello Stato, cancellare la legge Fornero significa rinunciare a circa 350 miliardi di euro di risparmi cumulati fino al 2060. Un fattore non banale nel difficile equilibrio del bilancio pubblico italiano. Soprattutto perché il grosso del buco si realizzerebbe a medio termine, ovvero nel decennio 2020-30: periodo nel quale si sacrificherebbe a questa iniziativa circa un punto di Pil ogni anno, cioè 17 miliardi di euro, con un massimo di 1,4 punti nel 2020, ovvero 23,8 miliardi fra due anni. Un colpo che anche una economia in crescita, come sembra essere quella italiana, potrebbe avvertire con effetti pericolosi per le dinamiche in atto.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.