Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Convergenze parallele PDF Stampa E-mail
Scritto da businessinesinsider.com   
Giovedì 25 Gennaio 2018 00:13


Teheran: la rivolta è liberal ed estremista religiosa al tempo stesso

Recentemente l’Iran ha visto un’esplosione di proteste in tutto il Paese
I manifestanti anti-governativi sono uniti tutti contro lo stesso obiettivo: la ricca élite
I millennial iraniani non tengono nascosta la loro ricchezza, specialmente nell’era dei social media
L’Iran ha visto recentemente l’esplosione di proteste in tutto il Paese che hanno portato nelle strade sia coloro che condannano il governo sia coloro che lo appoggiano.
I manifestanti in Iran si sono mobilitati contro questioni che riguardano i problemi economici del Paese. A poco a poco i manifestanti anti-governativi si sono rivolti contro lo stesso obiettivo: un’élite benestante che ha raccolto i frutti del regime teocratico.
Una parte di tutto questo tumulto sembra essere stata fomentata dall’uscita allo scoperto, soprattutto sui social network, dei millennial iraniani che appartengono a famiglie ricche. “Quando delle Maserati ruggiscono nelle affollate strade di Teheran, tra gli autobus pieni di gente e le squallide portantine locali, i pedoni lanciano fiumi di maledizioni”, scrivono Shashank Bengali e Ramin Mostaghim sul Los Angeles Times.
Il Los Angeles Times ha usato come esempio il famoso account Instagram Rich Kids di Teheran, dove “attraenti ventenni ostentano sandali Hermes da mille dollari e foto spensierate a bordo piscina in lussuose ville in una capitale dove i disperati svendono i propri reni per sfamare le loro famiglie.”
Come scrive il giornalista iraniano Amir Ahmadi Arian in un articolo per il New York Times, “I ricchi giovani iraniani si comportano come una nuova classe aristocratica ignara delle fonti della loro ricchezza”. “Guidano sfacciatamente Porsche e Maserati per le strade di Teheran davanti agli occhi dei poveri e pubblicano le prove della loro ricchezza su Instagram”, scrive Arian.
Le disuguaglianze si sono accumulate negli ultimi dieci anni, ma sono state rese evidenti dopo che il presidente Hassan Rouhani ha introdotto una stagione di austerità fiscale.
Mentre i manifestanti della classe operaia gridavano “Morte a Rouhani” e “Morte al dittatore”, l’account Rich Kids di Teheran su Twitter supportava caldamente Rouhani e il governo iraniano in passato.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.