Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Prove d'intesa PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Venerdì 02 Febbraio 2018 00:50


L'astensione del centrodestra permette all'Afd di guidare la commissione bilancio

Un deputato del partito di estrema destra “Alternative fur Deutschland” è stato nominato presidente della potente e influente commissione di bilancio del Bundestag. È un bel colpo politico per la formazione populista che prima delle ultime elezioni federali non era ancora riuscita a guadagnare seggi in Parlamento: la commissione esercita un ruolo importante in Germania nelle decisioni che vengono prese in materia di politica economica in Eurozona.
Oltre a essere fermamente contrario alle politiche di accoglienza dei migranti di Angela Merkel (ha definito la popolazione musulmana “un grande pericolo per il nostro Stato”), Peter Boerhinger è anche un euroscettico convinto, che ha in più occasioni criticato i piani di salvataggio dei paesi deboli e meno virtuosi dell’area euro.
In Germania la presidenza della commissione di bilancio viene assegnata aumaticamente al primo partito dell’Opposizione. Con il 13% dei voti alle elezioni di settembre, l’AFD è diventato il partito di destra radicale con il successo più grande dalla Seconda Guerra Mondiale. Il risultato ha permesso alla formazione di ottenere 92 dei 709 seggi a disposizione.
In un primo momento il posto doveva essere attribuito ai Social Democratici di Martin Schulz, ma da quando il centro sinistra ha accettato di formare una grande coalizione di governo con i conservatori Cristiano Democratici di Merkel (CSU-CDU), ha di fatto rinunciato al prestigioso incarico.
Laureatosi alla European Business School con un passato come consulente finanziario, Boehringer è diventato famoso qualche anno fa per aver chiesto alla Bundesbank di rimpatriare tutto l’oro della Germania depositato all’estero. Da allora la Bundesbank ha trasferito a Francoforte metà delle sue riserve auree che erano custodite a New York, Londra e Parigi.
Ora l’esponente politico dell’AFD potrebbe chiedere alla Bundesbank di completare il rimpatrio e riportare in Germania tutto l’oro in suo possesso e consentire ai cittadini di verificarne l’esistenza. Finora la banca centrale ha resistito alle pressioni.
Boehringer è un personaggio molto controverso dello scenario politico tedesco, noto per i suoi insulti veementi ai grandi leader del paese e delle istituzioni. Merkel è stata definita “strega” e i giudici “prostitute della giustizia”.
Gesine Loetzsch, deputato del partito di sinistra e membro della commissione di bilancio, ha votato contro l’elezione di Boehringer, citando le sue posizioni “misogene” e i suoi messaggi “anti islam”. Ha anche criticato l’uscita del nuovo presidente della Commissione Bilancio nella quale si diceva che l’immigrazione di massa in Germania fa parte di un piano deliberato per cambiare la sua composizione etnica.
Boehringer, che è stato eletto grazie ai voti di AfD e dei Liberali, sostiene che alcune delle sue dichiarazioni sono state malinterpretate. I membri della Commissione del partito di Sinistra hanno votato contro di lui, mentre il blocco CDU-CSU, i Verdi e i Social Democratici si sono astenuti.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.