Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Biologi contro medici PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Mercoledì 07 Febbraio 2018 00:26


Sui vaccini non la pensano uguale

L'Ordine nazionale dei biologi italiani celebra i suoi cinquant'anni con un convegno al quale invita tutti i ricercatori di riferimento del mondo no vax. Persone le cui teorie godono di scarsissima, se non nulla, considerazione scientifica. L'incontro è in programma il 2 marzo a Roma e, come scritto sul sito dell'Ordine, ci sono "posti limitati". Tra i partecipanti ci sarà ad esempio Yehuda Schoenfeld, il discusso immunologo di Tel Aviv che porta avanti teorie sulla neurotossicità dei metalli pesanti che non hanno avuto riscontri sperimentali. L'epidemiologo dell'università di Pisa Pier Luigi Lopalco spiega su Facebook che l'appuntamento "riunirà il gotha dell'antivaccinismo nazionale ed estero".
Nel programma, in cui sono previste sessioni sulla "terra dei fuochi" e sui campi elettromagnetici, è inserito anche Luc Montagnier, premio Nobel perché è stato tra gli scopritori del virus Hiv, che negli ultimi anni è diventato portatore di teorie bocciate dalla scienza, come quella che vede un correlazione tra autismo e vaccini. Inoltre è ora fautore dell'omeopatia. Poi c'è Antonietta Gatti, moglie di Stefano Montanari, che ha fatto uno studio sulle nanoparticelle nei vaccini "più volte smentito dalla comunità scientifica", dice Lo Palco. Non mancherà Paolo Maddalena, per una "sessione giuridica". Ex giudice ed ex vicepresidente della Corte Costituzionale, Maddalena è da tempo anche lui un punto di riferimento per gli antivaccinisti. Lopalco fa notare come "davanti ad un evento simile, generalmente ci si rivolge all'Ordine perché l'onore della professione venga tutelato. In questo caso, a chi telefoniamo?". Tra chi partecipa non c'è nessuna nelle tantissime voci, di medici e ricercatori, favorevoli ai vaccini.
Cosa succede all'ordine dei biologi? Perché in un convegno intitolato "nuove frontiere della biologia" sfilerà il mondo no vax? La risposta è semplice: perché il presidente è da sempre schierato contro i vaccini. Vincenzo D'Anna, che guida l'organo professionale, è un senatore della repubblica di Ala che si è distinto per varie affermazioni piuttosto forti. Quando si discuteva della legge sull'obbligo ha detto che "prove di microscopio hanno dimostrato che in diversi vaccini esistono sostanze come plastica, acciaio, tungsteno, alluminio, mercurio e di recente anche qualche centinaia di nanogrammi di mercurio". Nei vaccini, ha detto D'anna, "c'è la fetenzia! Una volta inoculati in bambini di pochi mesi, andranno ad interferire con il loro apparato immunitario. Perché la scienza ufficiale non ci spiega da dove viene fuori l'aumento di malattie autoimmuni, delle patologie cancerogene e delle allergie?". Il punto è che al suo convegno, quello di chi rappresenta tutti i biologi italiani, la scienza ufficiale non è stata nemmeno invitata.
Il problema, ha poi sostenuto un'altra volta D'Anna "non è l'utilità dei vaccini ma la loro innocuità". E' stato anche espulso dall'aula del Senato mentre si votava la legge sull'obbligo e in generale negli ultimi mesi è stato tra i parlamentari schierati contro i vaccini, non solo contro l'obbligo voluto da tutto il Parlamento. Ma non si è fatto mancare affermazioni forti anche in altri campi. Ad esempio in quello della violenza sulle donne. "Una donna aggredita da un cingalese alle 3 di mattina un tempo non ci sarebbe mai stata - ha sostenuto tra l'altro - La donna porta con sé l'idea del corpo, l'idea della preda. Se si trova in periferia, sola in mezzo alla strada, può anche essere oggetto di un'aggressione. Non giustifico gli stupratori, gli darei 30 anni di carcere, ma serve attenzione e cautela da parte delle donne. Se cammina un uomo solo alle tre di notte non gli succede niente, se cammina una bella ragazza, magari vestita in modo provocante, e si
trova in determinati ambienti, si espone". Un gruppo di donne biologhe, il 70% delle 50mila persone che esercitano questa professione, presero posizione contro le parole di D'Anna nel settembre scorso. Poi ci sono state le elezioni per l'Ordine e lui è stato eletto presidente.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.