Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Pallonari PDF Stampa E-mail
Scritto da Carlomanno Adinolfi (ilprimatonazionale.it)   
Giovedì 15 Febbraio 2018 00:25


Anche se affibiare agli inglesi un antenato diverso dai nostri è divertente

 

Per Repubblica “il primo inglese della storia aveva la pelle nera”, come recita il titolo di un articolo che riporta la notizia della ricostruzione a partire da un teschio di un cacciatore vissuto nel Somerset 10mila anni fa e da cui sempre per Repubblica discenderebbero i moderni inglesi. E ovviamente ha rilanciato il valore politico della cosa con un esplicito “alla faccia, sarebbe il caso di dire, di xenofobi e razzisti”. Peccato che la notizia sia una bufala, una “fake news” per dirla con il loro gergo.
Tanto per cominciare un uomo vissuto nelle isole britanniche appena 10mila anni fa non può essere definito il “primo inglese” della storia. Per Repubblica il Cheddar Man – così viene soprannominato dagli studiosi l’uomo a cui appartiene il teschio – “risale al tempo in cui i primi uomini passarono dall’Europa continentale alle isole britanniche al termine dell’ultima era glaciale”. Tesi purtroppo per loro un po’ fallace. Infatti la presenza di Homo erectus, antenati del sapiens e quindi dell’uomo moderno, già nel paleolitico è provata dal ritrovamento di numerosi utensili utilizzati per la caccia. Già nel luglio del 2010 ci fu una scoperta, riportata anche dal quotidiano inglese The Guardian, che retrodatava la presenza umana nelle isole britanniche di circa 250mila anni. La presenza di sapiens poi è accertata perlomeno intorno a 30mila anni fa. Quindi il Cheddar Man non fu affatto il “primo inglese della storia”.
Un’altra bufala è la storia secondo la quale gli inglesi moderni discenderebbero dal Cheddar Man. Falso. Uno studio del 2017 ha infatti dimostrato come il 90% del dna degli abitanti della Gran Bretagna sia stato sostituito più recentemente, verso l’inizio dell’età del bronzo, con l’invasione delle popolazioni proto-indoeuropee. Pertanto quasi nessuno degli inglesi, per lo meno quelli di radici autoctone, deriverebbe dal Cheddar Man bensì da queste popolazioni pre-celtiche e pre-germaniche.
Ma anche la storia della pigmentazione ha fatto saltare in aria più di uno scienziato. Il Cheddar Man che per Repubblica aveva la “pelle nera” e gli occhi azzurri in realtà era un po’ diverso da come presentato. Pare infatti che i cosiddetti WHG (sigla che identifica i primi cacciatori-raccoglitori dell’Europa Occidentale, di cui appunto fa parte il Cheddar Man) fossero effettivamente di carnagione più scura rispetto ai moderni europei, ma non erano affatto “neri”. E i loro parenti SHG (cacciatori-raccoglitori scandinavi) avevano la pelle molto più chiara. I due gruppi avevano semplicemente una diversa gradazione del colore della pelle, dovuta alla mutazione del gene SLC24A5 per via dell’adattamento a diverse temperature, che però li manteneva molto lontani dalla pigmentazione “nera” che vorrebbe far credere Repubblica. Entrambi i gruppi umani avevano poi gli occhi azzurri o comunque chiari. Tra l’altro le popolazioni di colore nero hanno cluster genetici molto distanti da quelli del WHG, i cui discendenti più prossimi sarebbero i moderni europei nordorientali.
Anche la ricostruzione in foto fornita da Repubblica sembra molto fantasiosa. Si cerca in tutti i modi di far sembrare il Cheddar Man un africano vero e proprio. Oltre al colore della pelle ci sarebbe una barbetta poco folta, cosa del tutto innaturale per un WHG che invece avrebbe avuto una folta barba anche per proteggersi dalle basse temperature settentrionali. E soprattutto mancherebbe la distinta arcata sopracciliare tipica delle popolazioni in cui esiste mescolanza genetica con il Neanderthal. Mescolanza che appunto è presente nelle popolazioni proto-europee ma del tutto assente in quelle africane. La ricostruzione fornita da Repubblica, per tanto, è tutto tranne che quella di un WHG.

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Febbraio 2018 21:31
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.