Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Perché Trump deve mostrarsi duro con i russi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 13 Aprile 2018 01:21


La Siria è solo un pretesto, in gioco è la poltrona

 

Cresce il rischio di impeachment per il presidente degli Usa, Donald Trump. L’annuncio di ieri che Paul Ryan, il Repubblicano di più alto grado al Congresso statunitense, lascerà il seggio alla fine del suo mandato, in scadenza nel gennaio 2019, se da una parte ha creato grande scompiglio nelle fila dei Repubblicani dall’altra ha alimentato le voci su un possibile impeachment dell’inquilino della Casa Bianca nel 2019.
“Tra le altre conseguenze, il pensionamento del presidente Paul Ryan aumenta le probabilità che il presidente Donald Trump venga messo sotto accusa, scrive la Cnbc. “La decisione di Ryan infligge in duro colpo ai Repubblicano che rischiano di perdere la maggioranza alla Camera, in occasione delle elezioni di mid-term di novembre. E non c’è dubbio che un’aula controllata dai Democratici cercherebbe di mettere sotto accusa il presidente”.
Ipotesi che viene avanzata anche dalla Cnn, che cita fonti vicino alla Casa Bianca. Non tutti i democratici credono tuttavia che l’impeachment sia la via della vittoria per elezioni di quest’anno.
“Il nostro obiettivo dove essere quello di dimostrare che faremo di più per le famiglie rispetto ai Repubblicani”, ha detto alla Cnn, Robby Mook, ex manager della campagna di Hillary Clinton.  “Dobbiamo dimostrare che i contribuenti sono stati derubati.”
Ryan ha 48 anni, è deputato dal 1999 ed è il leader della corrente più tradizionalista dei Repubblicani. Da mesi girava voce che potesse lasciare il Congresso per via del suo cattivo rapporto con Trump e in seguito all’approvazione della riforma fiscale, uno dei principali obiettivi della sua carriera politica.
Cresce intanto l’attesa per le dichiarazioni di James Comey, ex direttore dell’Fbi, rilasciate durate un’intervista con George Stephanopoulos, giornalista di ABC, che andrà in onda domenica. Secondo una fonte, quello è stato detto rischia di “scioccare il presidente e la sua squadra” e “sicuramente aggiunge più carne al fuoco nella serie di accuse rivolte verso il presidente”. La fonte ha aggiunto che l’intervista include informazioni che non sono mai state divulgate prima.

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Aprile 2018 00:24
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.