Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Big Mac Great Depression PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Venerdì 04 Maggio 2018 00:37


Gli indicatori economici alla prova del burger

 

Nel primo trimestre del 2018, il PIl degli Stati Uniti è cresciuto del 4,6% a tassi di cambi correnti durante il primo trimestre. Un dato dunque che – come fa notare come fa notare Peter Diekmeyer in un articolo pubblicato sul sito Sprott Money — se letto superficialmente conferma che tutto sta andando a gonfie vele.
“Le aziende hanno aumentato le vendite. I lavoratori hanno ottenuto aumenti salariali. Trump deve dunque aver ragione, l’America sta tornando grande di nuovo” si legge nell’articolo.
Ma è realimente cosï? No, se si misura la produzione economica degli Stati Uniti in base al numero di Big Mac che si possono acquistare:
“Misurato in questo modo,  quello che è emerge è che l’America è in una grande depressione da dieci anni”.
Facciamo un passo indietro. L’indicatore messo a punto dall’Economist utilizza il famoso hamburger come strumento per determinare il potere d’acquisto.
“L’idea è verificare se i tassi di cambio correnti misurano adeguatamente ciò che le persone possono acquistare con quei soldi. Un Big Mac, che ha gli stessi ingredienti in tutto il mondo e la cui ricetta è cambiata poco negli ultimi trent’anni, fornisce in tal senso uno strumento eccellente.  L’hamburger contiene anche importanti input legati all’affitto, al lavoro e alle tasse” continua l’articolo.
Alla luce di questi indicatori, emerge che gli Stati Uniti sono in una grande depressione in questo momento.
In termini ufficiali, il PIL degli Stati Uniti è stato pari a $ 19,4 trilioni nel 2017. Si tratta di un aumento del 33% rispetto ai $ 14,5 trilioni registrati nel 2007. Tuttavia, mentre con quei con 14,5 trilioni di dollari si potevano acquistare 4,25 trilioni di Big Mac (allora costavano 3,41 dollari ciascuno), nel 2017, a il numero è sceso fino 3,83 trilioni (prezzo è salito a $ 5,06). Ciò suggerisce che il PIL degli Stati Uniti, misurato in termini di Big Mac, è diminuito del 10% tra il 2007 e il 2017.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 02 Maggio 2018 14:40
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.