Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Italexit? No grazie! PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Giovedì 31 Maggio 2018 09:28


La storia si ripete in farsa: ed eccoci al 25 luglio che precede l'8 settembre

 

Sento ricicciare tentazioni di Italexit. A scanso di equivoci e affinché non ci sia il rischio che qualche giornalista mi ritenga ideologo di questa via (mi attribuiscono troppo spesso posizioni di altri) voglio affermare in maniera definitiva che ritengo tale ipotesi un'aberrazione. Un'aberrazione che va in senso opposto a tutta la tradizione storica, ideale e di sangue a cui appartengo. Nello specifico, ciò va di moda quando assistiamo a una nuova offensiva americana per schiacciare l'Europa; mentre il populismo pentastellato intende chiudere l'Ilva proprio quando Trump fa la guerra all'alluminio europeo; quando il CFR, ovvero il centro che decide la politica americana da quasi un secolo, ha deciso di muovere guerra economico-politica all'Europa e alla Germania, chiarendo addirittura che se persistono relazioni russotedesche troppo forti è disposto a scatenare la guerra nucleare; quando si sta aviando il processo di esercito europeo e di spaziale europeo; quando sia la Cina che gli Usa passano ad un livello superiore e se l'Europa tarda tutti i nostri popoli saranno fuori dalla storia e destinati all'estinzione. Quali che siano i pii intenti degli apprendisti politici di oggi, questa è una scelta di campo, ed è l'opposta a quella della nostra tradizione.
Una cosa è combattere per cambiare gli equilibri e i rapporti di forza in Europa (ma nessuno lo fa...), ben altra è quella di rispondere - con tutta l'innocenza possibile, dovuta all'impreparazione - al richiamo della Gladio, fino a fare festa  dietro al nuovo commissario politico Bannon, scialbo erede del sinistro Ledeen degli anni del sangue. In questi gorni siamo alla riedizione pietosa del 25 luglio che precede quella miserabile dell'8 settembre. In questo caso, come in quello, dai festanti democratici o neodemocratici vengono riscoperti Garibaldi, il Tricolore, la Patria, mentre si funge da testa di ponte degli americani.
È tempo di un forte impegno all'interno dell'ondata populista, ma proprio nel senso opposto di quello cantato dalla sirena exit e della retorica antitedesca.
Altrimenti settantasette anni di storia di una parte politica non saranno serviti a niente e potranno essere cestinati.
Qualunque cosa accada non intendo confondermi con le dita che li getteranno nel cestino.

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Maggio 2018 12:03
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.