Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La Lega fa man bassa nelle amministrazioni PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Martedì 12 Giugno 2018 00:42


Ma i posti-chiave li cede ai Cinque Stelle

La delega alle Telecomunicazioni, che fa capo al Ministero dello Sviluppo Economico, andrà al M5S. E' quanto apprende l'ANSA da fonti del governo. Titolare della delega sarà quindi un esponente del Movimento ed è possibile che sia lo stesso vice premier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio a farsene carico.
Dopo oltre quattro ore è terminato il vertice a Palazzo Chigi convocato dal premier Giuseppe Conte e con i vice premier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. La riunione era stata convocata per fare un punto sulle nomine dei viceministri e dei sottosegretari del governo ma sul tavolo è finito il caso Aquarius. "E' chiaro che abbiamo dovuto subito convertire la riunione in emergenza", ha spiegato Di Maio ai cronisti lasciando Palazzo Chigi.
Prima i sottosegretari e viceministri e poi, in un secondo momento, le deleghe: è il timing che offre il vicepremier Luigi Di Maio per la soluzione del Sudoku del cosiddetto 'sottogoverno', ancora in alto mare in attesa del rientro a Roma del presidente del Consiglio e di un accordo definito tra gli azionisti politici del governo giallo-verde. In tutto quarantatrè posti al governo, fra sottosegretari e viceministri spartiti con il bilancino fra M5S e Lega, a cui vanno aggiunte le 28 commissioni permanenti, più le bicamerali come la Vigilanza Rai e il Copasir sui cui sottolinea oggi il vicepremier "decide il Parlamento, non sono nomine governative". Ma politiche e dunque legate ad un accordo tra il Carroccio e i 5 Stelle.
"Aspettiamo il governo alla prova dei fatti. Intanto, dopo sette giorni dall' insediamento mancano ancora i viceministri e i sottosegretari senza i quali non sarà possibile avviare il lavoro nelle commissioni" protesta Anna Maria Bernini, capogruppo Fi al Senato. I tempi però si allungano e l'obiettivo scavalla alla prossima settimana. Anche se qualche casella sembra già decisa. Oggi l'altro vicepremier e ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha fatto capire di aver deciso di portarsi il deputato leghista Nicola Molteni al Viminale. "Un parlamentare che, se tutto andrà come andrà, mi darà una mano nell'esecutivo" dice. Mentre sembra lanciato nell'agone un altro leghista di peso come il deputato Massimo Garavaglia indicato dai ruomors al Mef come viceministro, ruolo che i 5 Stelle vorrebbero invece per la deputata piemontese Laura Castelli.
Se Di Maio rinvia la questione delle deleghe, è invece in corso il braccio di ferro sui fondi europei per il Mezzogiorno tra Barbara Lezzi e Paolo Savona: l'economista vorrebbe riportarli nel suo dicastero. Un nodo su cui è già intervenuto anche Di Maio ("I fondi per la coesione territoriale sono fondi che quando riguarderanno il Mezzogiorno saranno gestiti dal ministro del Sud. Quel ministero ha la delega per la Coesione territoriale") che vuole affidare a Lezzi la responsabilità di vigilare affinché i fondi non vengano dispersi. Sulle deleghe resta sempre alta l'attenzione sulle questioni che riguardano Tv ed editoria. In particolare, i 5 Stelle puntano ad affidare quest'ultima delega ad un loro esponente. In corsa, ci sarebbero il deputato Emilio Carelli e il senatore Primo Di Nicola. Di Maio vorrebbe tra l'altro mantenere per sè le Tlc.
Ma non è detto che la Lega ceda su entrambi i fronti anche se in Parlamento la Vigilanza Rai andrà a Fi, che avrebbe tre nomi in corsa: Paolo Romani, Maurizio Gasparri e Renato Schifani. L'altra delega delicata è quella sui servizi: Conte ha annunciato di volerla tenere, anche se il M5s continua a farci un pensierino col senatore Vito Crimi. Intanto, infuria la polemica sulla presidenza del Copasir, da sempre appannaggio dell'opposizione. Il Pd preme per assegnarla a Lorenzo Guerini ma M5s e Lega stanno decidendo se affidarla o meno a Fdi, il partito che non ha votato contro la fiducia all'esecutivo limitandosi all'astensione.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.