Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Mentre guardate il topolino di Bruxelles PDF Stampa E-mail
Scritto da Giancarlo Ferrara   
Giovedì 09 Agosto 2018 01:35


Dimenticate di alzare lo sguardo e scoprire così di chi siamo prigionieri

 

Nella narrazione virtuale di una parte del mondo  cd “sovranista” l’Italia sarebbe dominata e schiacciata dall’Unione Europea e questo avverrebbe dall’entrata in vigore dell’Euro, del Fiscal Compact e in particolare dai vincoli di bilancio alla spesa pubblica che sono uno degli impegni assunti per l’adesione alla moneta unica.
Ora, si dimentica che l’attuale Unione Europea è la risultante di una Unione di Stati Nazionali i cui rappresentanti a Bruxelles approvano le singole misure che poi valgono all’interno degli Stati stessi, compresi i Trattati, come è stato per quello di Maastricht e poi  di Amsterdam.
Non esiste, pertanto, nessuna “cupola “ che impone ai Singoli Stati membri vincoli e direttive che non siano stati da loro condivisi ed accettati nelle sedi competenti. Ciò non vuol dire che non si possano rinegoziare i Trattati, anzi, ma che è la forza politica e diplomatica dei Singoli Stati nazionali a determinare questa possibilità, non altro.

Invece, intendiamo parlare di quei vincoli internazionali tuttora esistenti dal 1945, che non sembrano essere rinegoziabili visto che da 70 anni sono stati supinamente accettati dall’Italia, anche ai tempi della lira e della cd “sovranita’ monetaria”, e che ci vedono in una condizione di inalterata sudditanza verso gli USA.
Forse non sarà più di moda o forse è più comodo rivolgere i propri strali contro l’Europa, ma val la pena far notare che dal 1945 sono in vigore “trattati” segreti con gli USA e non approvati dal Parlamento italiano che vincolano il nostro Paese sotto il profilo politico, militare e di difesa, sui quali i nostri “sovranisti” omettono di fare una singola osservazione di legittimità.
A tutto questo si aggiungono i vincoli, questi approvati dal Parlamento italiano nel 1949, riguardanti l’adesione dell’Italia alla Nato che ci hanno imposto e ci impongono tutt’ora l’ingaggio in guerre perlopiù al servizio degli USA, come avvenuto in Serbia, in Afghanistan, in Iraq e scelte di campo geopolitiche in netto contrasto con i nostri interessi nazionali.
Se poi ci spostiamo sul piano economico non andiamo certo meglio: dal 1992, anno in cui si svolse nel mese di giugno la famosa riunione sullo Yacht Britannia avente ad oggetto “le privatizzazioni in Italia”, ci si dovrebbe accorgere che tutte le privatizzazioni, dallo smantellamento dell’IRI, della Montedison e delle più grandi realtà produttive, hanno visto come advisory nomi della finanza angloamericana come Goldman Sachs e Morgan Stanley, nominati tali dal Ministero del Tesoro italiano, non da Bruxelles.
Ma anche su queste privatizzazioni selvagge che hanno indubbiamente pesato molto sulla competitività del nostro sistema industriale e finanziario, il silenzio dei “sovranisti” è impressionante, come lo è sul futuro smantellamento della Fiat oramai assorbita dalla Chrysler, manco a dirlo, made in USA.

Ma anche la crisi finanziaria ed economica che dal 2008 attanaglia l’Europa e che ha provocato almeno dieci anni di difficoltà di crescita e che ancora oggi pesa sulla competitività europea e sull’occupazione, nasce in USA, dal fallimento della Lehman Brothers e dalla deregolamentazione pressoché totale delle banche americane che hanno rovesciato il peso della crisi sul Vecchio Continente. Ma per i “sovranisti” di casa nostra è tutta colpa dell’Europa e dell’Euro.
Si tratta quindi di strabismo oppure di superficialità politica? Si tratta di cercare facili scorciatoie da presentare all’opinone pubblica o di un calcolato disegno portato avanti da suggeritori interessati?
La risposta è forse drammaticamente semplice: dell’una e dell’altra cosa che messe insieme potrebbero portare ad un cortocircuito di non poco conto dal quale bisognerà trarre i dovuti distinguo e conseguenze.


Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Agosto 2018 07:52
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.