Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Equilibri e squilibri PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Martedì 16 Ottobre 2018 01:18


Europa, populismo e cinica realtà

 

L'Europa è oggi al crocevia di tutti i destini, a iniziare dai propri che, con buona pace degli ignoranti e dei  vagheggianti, sono i nostri.
Non tratto qui degli scontri economico/politici su scala internazionale su cui ho insistito frequentemente , ma mi soffermo al dato della politica viscerale.
Assistiamo in Europa a un fenomeno di per sé positivo: l'avanzata possente del populismo.
Un secondo aspetto positivo si aggiunge al primo: è bastato che annusassero un minimo di possibilità di successo pratico perché i populisti superassero più o meno ovunque il qualunquismo forcaiolo anti-europeo nelle cui reti è rimasta impigliata soltanto la retroguardia postfascista (con codazzo di opinionisti allogeni falliti) , retroguardia dalle cui posizioni in molti intendono ormai smarcarsi.


Andiamo dunque verso momenti decisivi?
Forse, ma bisogna prestare particolare attenzione all'eccessivo interesse israeliano e neocon nei riguardi del populismo, un interesse di doppia natura perché da un lato vuol essere impugnato contro l'emancipazione europea a trazione tedesca e dall'altro per un'acquisizione di maggiori influenze nei classici feudi americani.
Rispondono anche le oligarchie europee, però. Così mentre da un lato nella sostanza – tradendo le affermazioni pubbliche – sia Francia (in Niger) che Germania (progetto potenziamento Frontex) si svelano più allineate alla linea di Salvini di quanto lo siano i paesi di Visegrad, segnando così una prima variante, dall'altro qualcuno spera di attraccare a un grande centro.
In tal senso la pedina Bannon viene sventolata contro l'ologramma di Soros, mentre i populisti sono immaginati come gli avversari frontali delle Ong: tra i due “opposti esteremismi” si punta a  creare un equilibrio.


Tuttavia a quest'equilibrio credono poco anche i kigmakers.
Noto infatti che verso i populisti l'establishment sta operando esattamente come fece quarantacinque anni fa nei confronti dei comunisti e dell'estrema sinistra: l'idea è quella di scalarli e di possederli dall'interno.
Morale della favola: il momento è delicato e pregno di prospettive ma solo chi abbia la Weltanschauung, la mentalità e la metodologia dell'avanguardia rivoluzionaria lo attraverserà indenne e in maniera fruttuosa.

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Ottobre 2018 08:29
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.