Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Tutt'altro spirito PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Domenica 28 Ottobre 2018 01:46


Tutt'altro

 

Cent'anni fa il 28 ottobre si stava vincendo la guerra, si stava facendo la Nazione e si stava dando vita all'aristocrazia socialista di trincea, a quell'uomo nuovo – o antico – che non accettava più le imposizioni della società materialista. Lo slancio rivoluzionario del nazionalismo inteso non più come patriottismo campanilistico ma come forgia di anime e spiriti si sarebbe presto unito nella fratellanza tra avversari. La Pace di Versailles e l'abbozzo dell'ordine mondialista a Ginevra indussero gli uomini temprati dalle “tempeste d'acciaio” a quel patto di ferro che avrebbe fatto godere a tutta Europa, e non solo, una splendida primavera, nel nome dell'Internazionale dei nazionalismi non più fini a se stessi.
Quattro anni più tardi, il 28 ottobre, a chiusura di un quadriennio entusiasmante caratterizzato dalla guerra civile, quell'Italia marciava su Roma e vi si ricongiungeva.
Oggi tutto è imploso e Roma va in pezzi. È tempo di riscuoterci e di rifarci allo spirito e all'anima di cent'anni fa che nulla ha a che vedere con lo sciovinismo dei bottegai ma che è al tempo stesso identitario e universale, come lo è Roma.

EDITORIALE DI SVEGLIATI EUROPA

Ultimo aggiornamento Mercoledì 24 Ottobre 2018 20:50
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.