Ma la realtà è un po' diversa Stampa
Scritto da noreporter   
Venerdì 12 Aprile 2019 01:10


Anche se fa venire il mal di testa

 

Il terrorismo fu un'arma utilizzata - da russi e americani insieme - nell'aggressione al colonialismo europeo e rimase successivamente uno strumento per guerre oblique.
Utilizzato in scontri tra francesi, inglesi, italiani, divenne anche ostaggio dello scontro arabo-israeliano e - a partire del 1971 - fu gestito soprattutto dal Mossad israeliano.
L'Internazionale trozkista - che faceva capo a New York, Londra, Tel Aviv, Parigi e Berlino Est - fornì l'esercito del terrore. I rapporti obliqui, le complicità e le rivalità, coinvolsero anche i servizi più importanti. Così come i servizi tedesco-orientali avevano più anime e strutture (l'Hva di Wolf, amico di Kissinger e lodato da Israele svolgeva un ruolo sovversivo all'estero, in particolare in Italia, non tanto per conto russo quanto dell'Internazionale trozkista) anche i russi avevano più strutture e linee di posizionamento. Il ruolo di Mosca - indubbiamente significativo - non si può valutare se non lo si trascende in un'ottica già mondialista e se non vi si ravvisano le tossine trozkiste,

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Aprile 2019 12:27