Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La fissura PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Venerdì 02 Agosto 2019 01:23


Ora, forse, i colpevoli hanno un po' di paura

A 39 anni dalla strage alla stazione di Bologna una serie di inchieste autonome e il palcoscenico offerto dal nuovo processo hanno consentito di squarciare il velo e di far conoscere una serie di indizi e di prove che inchiodano al tempo stesso l'Internazionale trozkista e i vertici della P2, compagni di merenda. Di lì si può andare storicamente a ritroso nel Terrore partigiano e in modo più ampio nella rete di copertura del trozkismo, da parte di servizi segreti di Stati considerati buoni e giusti.
Vedremo. Frattanto le rivelazioni dovute alla perizia sull'esplosivo confermano il teorema. Si cerca di fermarsi lì, parlando di "strage palestinese", dimenticando però quattro elementi essenziali. Il primo è che si tratterebbe di palestinesi comunisti. Ed è strano che si metta l'accento sulla nazionalità invece che sul collante reale. Il secondo è che non agirono comunque loro, semmai dei loro compagni occidentalissimi. Il terzo è che quelle appendici palestinesi furono animate dall'Ambasciata d'Israele a Parigi. Il quarto è che i depistatori seriali, in Italia, Francia e Stati Uniti, erano tutti orientati contro la causa della Palestina.
Comunque sia è un primo passo. Ne dovranno seguire molti.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.