Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La sensazione del precipizio PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Venerdì 09 Agosto 2019 00:38


Le imprese italiane si sentono in recessione

Il 65% delle imprese italiane pensa che il Paese sia già in recessione, mentre per l'11% lo sarà fra un anno, con la penisola che è la nazione europea più pessimista dopo la Grecia. Lo afferma una ricerca condotta da Intrum, uno dei maggiori operatori europei nei servizi al credito, condotta attraverso studio che ha coinvolto oltre 11mila imprese di 24 Paesi, 600 in Italia.
Secondo il report consultato dall'ANSA solo il 10% dei manager - sono stati intervistati amministratori delegati, responsabili dei crediti, 'business controller' o posizioni simili - pensa che nel prossimo futuro non vi sarà recessione.
Per difendersi, il 55% delle aziende italiane pensa di ridurre le spese e il 40% di fare meno ricorso al credito. Solo il 21% delle imprese per contrastare gli effetti della recessione pensa di incrementare le attività di sviluppo del business (sales operations). Secondo Intrum, il 79% del campione 'made in Italy' soffre di problemi di perdite sui crediti, molto più del 46% della media europea.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.