Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La scommessa del Pd PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Martedì 17 Settembre 2019 00:29


Si gioca tutto sull'economia

I tempi ravvicinati impongono a Giuseppe Conte e alla sua squadra di ministri di mettere immediatamente mano alla prossima legge di bilancio, che, come al solito, verrà preceduta dalla nota di aggiornamento al Def da cui si attendono le prime indicazioni sulla futura strategia del nuovo Governo, a partire dalla conferma di sterilizzare l’aumento dell’Iva.
Una partita che chiama in causa assieme al premier, anzitutto il nuovo ministro dell'Economia Roberto Gualtieri. Che a differenza dei suoi predecessori, Giovanni Tria e Pier Carlo Padoan, non è un tecnico, ma un politico, deputato europeo del Pd, sia pure esperto visto che fino a oggi ha presieduto la commissione Bilancio a Bruxelles.
Una scelta che rappresenta un azzardo e una scommessa. Un azzardo perché stavolta non ci saranno alibi. Non si potrà imputare al tecnico di turno la responsabilità delle misure che il Governo assumerà. La decisione sarà politica e ricadrà sulle spalle del M5s e soprattutto del Pd che ha deciso di puntare sulla guida dell’Economia e che probabilmente indicherà il nome anche del prossimo commissario italiano a Bruxelles. La partita è appena cominciata ma già nelle prossime settimane ne capiremo l'esito.
La scommessa è che il Governo italiano sia messo in condizione di rilanciare una politica di sviluppo, a partire dagli investimenti, anche attraverso un rapporto non più conflittuale con la Ue. I presupposti ci sono. La recessione che incombe sulla Germania e le difficoltà presenti anche in Francia impongono un cambio di passo a Bruxelles di cui l’Italia potrebbe beneficiare. Se così fosse, a intestarsene il merito sarebbero anzitutto il Pd e Conte. Ma ci sono tanti (troppi?). Il rischio, tutt’altro che remoto, è che alla fine si decida di tirare avanti, di vivacchiare prima di essere travolti. Non sarebbe la prima volta.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.