Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Cronaca dalle Italie PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Giovedì 09 Aprile 2020 00:02


Qui ognuno va per una strada diversa

Nel corso della settimana che va da domenica 29 marzo a domenica 5 aprile la temperatura dell’epidemia è scesa in quasi tutte le regioni, con la sola eccezione di Valle d’Aosta, Molise e Provincia di Bolzano: in queste tre realtà la tendenza di fondo è stata all’aumento.
E' quanto indica il bollettino settimanale sull’andamento dell’epidemia nelle 19 Regioni italiane e nelle 2 Province autonome di Trento e Bolzano della Fondazione Hume. L’indice si legge come una temperatura, e misura la velocità di propagazione del contagio su una scala che va da 42° (epidemia galoppante) a 37° (epidemia sostanzialmente arrestata).
Se consideriamo le tendenze più recenti, ovvero gli ultimi due giorni della settimana, la regione con la temperatura più bassa (ossia con la dinamica del contagio più lenta) è risultata la Sardegna, quella con la temperatura più alta (ovvero con la dinamica del contagio più pronunciata) è stata la Valle d’Aosta.
Oltre alla Sardegna, anche altre cinque regioni mostrano un andamento migliore di quello dell’Italia nel suo insieme: Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Umbria, Molise.
Per questa settimana la regione-lepre (la più rapida nella corsa ai 37 gradi) è la Sardegna, che è già a 37.6. La regione-lumaca (la più lenta) è la Valle D’Aosta, che – con 40.4 – è l’unica ad avere ancora più di 40 di febbre.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.