La task force Britannia 2 Stampa
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Giovedì 16 Aprile 2020 20:54


Colao che ci colerà a picco, e la sua ciurma

 


Tecnocrati d'ispirazione London School of Economics e di appartenenza alla finanza americana all'assalto dei resti dell'Italia.

Ora si capisce perché sono state pianificate e sostenute a 360° le campagne contro Germania e Ue che hanno avuto un grande successo popolare: sembrerà un sollievo l'accettare padroni angloamericani  spacciati per amici contro il comune nemico.
Ancora una volta, caro il mio gonzo, ti hanno manipolato e fottuto!

Ecco quel che si coglie dei partecipanti alla Task Force di Britannia 2 (pardon Fase 2).
Non serve chissà quale cervello per capire chi sta demolendo quel che resta dell'Italia (e non è Berlino).

Vittorio Colao
(Angloamericano) Si è laureato alla Università Bocconi e ha ottenuto un Master in Business Administration alla Harvard University. Ha iniziato la sua carriera lavorando a Londra presso la banca d'affari Morgan Stanley. Ha lavorato poi per dieci anni negli uffici di Milano della società McKinsey & Company. Nel 2018 fu inviato alla riunione del Bilderberg.

Domenico Arcuri (Americano) dirigente della Arthur Andersen (Usa) una delle principali società multinazionali di revisione di bilancio e consulenza a livello mondiale, parte delle "Big Five", gruppo delle principali società di revisione di bilancio e consulenza per grandi aziende. Imputata per la revisione di bilancio del colosso Enron

Angelo Borrelli solo Protezione Civile

Elisabetta Camussi si trova solo che è psicologa

Roberto Cingolani biografia con incarichi universitari a Stoccarda e a Tokyo. In seguito emerge la figura di un liquidatore: lo troviamo perito per la Procura di Roma effettuando alcune perizie relative al caso Marta Russo e al caso Unabomber e poi il 27 giugno 2019 viene nominato Chief Technology and Innovation Officer della società Leonardo diventando operativo dal 1º settembre 2019.
C'è chi ritiene che la Leonardo sia un'operazione guidata di smantellamento di Finmeccanica e del nostro peso strategico.

Riccardo Cristadoro Senior Economist e Senior Director del Dipartimento di Economia e Statistica della Banca d'Italia. Quindi un cameriere dei banchieri, ma la gente crede che Banca Italia sia nazionale...

Giuseppe Falco (Americano)  è Amministratore Delegato per il Sistema Italia-Grecia-Turchia e Senior Partner & Managing Director di The Boston Consulting Group (BCG). È membro core delle practice Energy e Industrial Goods a livello globale. BCG è una multinazionale statunitense di consulenza strategica con 90 uffici in 50 paesi, fondata nel 1963 da Bruce Henderson. È considerata tra le "Big Three" nel mondo della consulenza manageriale.

Franco Focareta legale della Fiom-Cgil

Enrico Giovannini (il solo euromondialista doc) Chief Statistician dell'OCSE dal 2001 all'agosto 2009, presidente dell'Istat dall'agosto 2009 all'aprile 2013. Dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 è stato Ministro del lavoro e delle politiche sociali del governo Letta.
È presidente dell’European Statistical Governance Advisory Board (ESGAB), l’organismo che supervisiona il funzionamento del Sistema Statistico Europeo, membro del Comitato esecutivo del Club di Roma, del Global Happiness Council
Negli ultimi anni è stato membro della Global Commission on the Future of Work dell'Organizzazione internazionale del lavoro, dell’High-Level Expert Group on the Measurement of Economic Performance and Social Progress (HLEG) istituito dall’OCSE, della Independent Commission for Sustainable Equality (ICSE)
È docente di sviluppo sostenibile presso l'Università LUISS, Senior Fellow della School of European Political Economy, Associate Senior Research Fellow del Centre for European Policy Studies. Collabora con il Joint Research Centre della Commissione Europea.
È presidente dell’European Statistical Governance Advisory Board (ESGAB) e della Commissione per la redazione della Relazione sull’economia non osservata e sull’evasione fiscale e contributiva del Ministero dell’Economia e delle Finanze. È membro del Comitato Scientifico dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio (UPB). È membro di numerosi board di fondazioni e di organizzazioni nazionali e internazionali.

Giovanni Gorno Tempini di Cassa Depositi e Prestiti, già Presidente della Fondazione Fiera di Milano, Fa parte del Consiglio di amministrazione di Intesa SanPaolo, Avio, Willis Tower Watson e della Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro (FIRC – AIRC). È Advisor per l'Italia del fondo di private equity Permira e della Società di Consulenza Partners SpA. Dal giugno 2017 è nella Giunta di Assonime. Insegna alla Bocconi di Milano e alla Cà Foscari di Venezia.

Giampiero Griffo è un disabile,  già coordinatore del Comitato Tecnico-Scientifico dell’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità.

Mariana Mazzuccato (Angloamericana) Si diploma alla Princeton High School nel 1986, quindi si laurea in storia e relazioni internazionali presso l'università Tufts nel 1990, consegue un master in economia presso la New School for Social Research (NSSR) nel 1994 e un dottorato in economia, presso la New School nel 1999.
Dal 1995 al 1997 è professore aggiunto di economia all'università di New York, nel 1997 diventa professore di economia all'Università di Denver nel 1997, tra il 1998 e il 1999 è ricercatrice post-dottorato Marie Curie Research presso la London Business School dove lavora e pubblica articoli con Paul Geroski (ex preside della London Business School). Entra poi a far parte del Dipartimento di Economia della Open University come docente, diventando professore ordinario nel 2005 prima di fondare e dirigere il centro di ricerca Innovazione, Conoscenza e Sviluppo. Dal 2008 al 2010 è visiting professor presso l'Università Bocconi, dal 2010 al 2013 lo è all'Università di Edimburgo, nel 2014 presso l'Università della Tecnologia di Sydney.
Invitata al Bilderberg nel 2018.

Enrico Moretti (Americano) Cittadino italo/americano Enrico Moretti is an Italian-born American economist and the Michael Peevey and Donald Vial Professor of Economics at the University of California, Berkeley. He is also the editor-in-chief of the Journal of Economic Perspectives, Research Associate at the National Bureau of Economic Research (Cambridge), and Research Fellow at the Centre for Economic Policy Research (London) and the Institute for the Study of Labor (Bonn). His research covers the fields of labor economics and urban economics.  He has received several awards and honors, including the Society of Labor Economists’ Rosen Prize for outstanding contributions to labor economics, the Carlo Alberto Medal, the IZA Young Labor Economist Award and a Fulbright Fellowship. (La sua scheda biografica online è solo in inglese...)

Riccardo Ranalli è docente presso le Scuole di Alta Formazione di Milano, Liguria e Toscana, Bologna, del Triveneto, la Scuola di Alta Formazione al Management SAFM del Politecnico di Torino (una creazione Agnelli) e la Scuola Superiore della Magistratura. E’ stato anche amministratore di importanti gruppi bancari, compagnie di assicurazioni, intermediari finanziari, imprese, oltre che consulente tecnico presso numerosi tribunali e in passato ha ricoperto diversi incarichi istituzionali e scientifici di prestigio, come per esempio quello di Coordinatore della Commissione CNDCEC sulla riforma della crisi d’impresa.

Marino Regini (Americano)  professore ordinario nel Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare e Prorettore dell'Università degli Studi di Milano, dove insegna vari corsi nell'area della sociologia economica, delle relazioni industriali e della political economy. È inoltre direttore della Scuola in Giornalismo di questo ateneo. Nella stessa Università è stato preside della Facoltà di Scienze politiche, presidente della Graduate School in Social, Economic and Political Sciences, condirettore del Master Europeo in Scienze del Lavoro. Dal 1970 al 1972 ha studiato sociologia come graduate student alla Columbia University di New York e alla University of California di Berkeley. In seguito ha insegnato nelle Università di Urbino, Cagliari, Milano e Trento. È stato inoltre visiting professor nella Johns Hopkins University, nell'Istituto Universitario Europeo di Firenze, nella Duke University, nell'Instituto Juan March di Madrid, nella Central European University di Budapest, nell'Università Pompeu Fabra di Barcellona, e visiting scholar nella Harvard University e nel M.I.T.
È past-president della SASE (Society for the Advancement of Socio-Economics). Nel 1990 ha fondato la sezione "Labour Movements" dell'ISA (International Sociological Association), di cui è stato presidente fino al 1998. Inoltre, è stato membro del Committee on Western Europe del SSRC (Social Science Research Council) americano, presidente dell'Ires Lombardia, coordinatore della sezione Economia, Lavoro e Organizzazione dell'Associazione Italiana di Sociologia (AIS-ELO), e fa parte del direttivo dell'AISRI (Associazione Italiana per lo Studio delle Relazioni Industriali).
Ha svolto numerose ricerche sui temi delle relazioni industriali, della formazione e del mercato del lavoro, e più in generale dei rapporti fra politica ed economia. E' stato direttore di Stato e Mercato e fa attualmente parte del comitato editoriale di questa rivista, così come fa o ha fatto parte degli editorial o advisory boards delle riviste Socio-Economic Review, European Sociological Review, European Journal of Industrial Relations, Journal of Industrial Relations, Economic and Industrial Democracy, Quaderni di Rassegna sindacale, Sviluppo & Organizzazione, Diritto delle relazioni industriali.

Raffaella Sadun (Angloamericana) Dopo la laurea in Economia Politica alla Sapienza di Roma, un Master in Economia presso l’Università Pompeu Fabra di Barcellona e un dottorato in Economia presso la London School of Economics ha svolto importanti ruoli professionali nell’ambito dell’economia politica. Attualmente si occupa di gestione d’impresa, del ruolo della tecnologia e della struttura organizzativa sulla produttività a livello aziendale ed è docente di Business Administration in the Strategy Unit alla Harvard Business School; tra le altre cose, essendo un’accademica ha all’attivo numerose pubblicazioni come: Americans Do I.T. Better: US Multinationals and the Productivity Miracle, ICT and Productivity e Do Entry Regulations Help Independent Retailers: Evidence from English Local Authorities.

Stefano Simontacchi è un avvocato, anche se è laureato in Economia e commercio (alla Bocconi di Milano) e ha conseguito un master in International Taxation all’Università di Leiden, in Olanda. Attualmente è Consigliere di Assoedilizia ed è esperto di fiscalità internazionale. In passato ha ricoperto importanti ruoli; è stato alla presidenza di BonelliErede, uno dei più prestigiosi studi legali d’Italia e della Fondazione Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano. E’ inoltre docente dell’Advanced LL.M in International Taxation dell’International Tax Center Leiden, direttore del Transfer Princing Research Center Leiden, oltre che Consigliere di amministrazione di Prada, RCS MediaGroup e ISPI.

Fabrizio Starace docente di psichiatria.

Gli ispiratori della task force furono nelle grazie di Peter Sutherland, un cattolico irlandese di madre israelita, impegnato come Commissario Europeo alla Concorrenza nel bloccare gli aiuti statali alle aziende europee (almeno così ha fatto in Belgio), funzionario dell'Onu, membro della Trilateral e del Bilderberg, presidente del Gatt e, guarda guarda, presidente della London School of Economics.
Cattolico e massone, presiedette a lungo la Commissione Cattolica per le migrazioni (ICMC).

Ultimo aggiornamento Venerdì 17 Aprile 2020 16:52