Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Per fortuna ci sono i cattivissimi tedeschi PDF Stampa E-mail
Scritto da neovitruvian   
Venerdì 05 Giugno 2020 00:06


Alla faccia dei germanofobi dei nostri stivali

Sempre i tedeschi cattivi. Quelli a cui gli scemi bottegai + o - "sovanisti" vorrebbero fare la guerra in nome di $ e £
(Mi scuso per la tua mitomania ma £ sta per sterlina, non per liretta)


Ecco cosa sostiene un rapporto del ministero dell'interno tedesco:

La pericolosità di Covid-19 è stata sopravvalutata: probabilmente il pericolo rappresentato dal nuovo virus non ha mai superato il livello normale.

Le persone che muoiono per Corona sono essenzialmente quelle che moriranno statisticamente quest’anno, perché hanno raggiunto la fine della loro vita e i loro corpi indeboliti non possono più far fronte alle varie malattie (compresi i circa 150 virus attualmente in circolazione).

In tutto il mondo, nel giro di un quarto di anno, non sono stati registrati più di 250.000 decessi per Covid-19, rispetto a 1,5 milioni di decessi [25.100 in Germania] durante l’ondata di influenza 2017/18.

Il pericolo ovviamente non è maggiore di quello di molti altri virus. Non ci sono prove che questo fosse qualcosa di più di un falso allarme.

L'articolo
https://neovitruvian.wordpress.com/2020/06/01/un-rapporto-trapelato-dal-ministero-degli-interni-tedesco-rivela-che-il-covid-19-e-stato-un-falso-allarme-globale/?fbclid=IwAR2PpCJaAVTePNeIsBXE7RtKH0-W3CA_iyyd0PcQQrrJYBltK0rMrLfWcdE

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.