Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ci terrorizzano PDF Stampa E-mail
Scritto da m.tgpadova.it   
Mercoledì 26 Agosto 2020 00:19


Sempre più virologi contestano l'allarme epidemia

“C’è troppo allarmismo. Questa conta dei numeri minuto per minuto credo ingeneri nella popolazione una certa preoccupazione che non è fondata sui fatti. Infezione non vuol dire malattia. C’è un aumento dei numeri dei soggetti infettati ma dal punto di vista epidemiologico clinico e patologico il quadro attuale non ha nulla a che vedere con quello dell’esordio della pandemia. Va ricordato che è un virus pandemico che non ha la letalità di altri virus come la Sars o Ebola, la mortalità nel mondo è del 3,5% su tutti i casi diagnosticati mentre in Italia è del 14%. Questo vuol dire che abbiamo pagato un tributo pesantissimo alla prima ondata. Eravamo impreparati, abbiamo ricoverato troppo passando per i pronto soccorso, abbiamo contribuito alla diffusione del virus. Ora dobbiamo convivere con questo virus e convivere vuol dire adottare le armi che abbiamo già messo a punto, ora siamo in grado di trattare le forme più gravi quando si manifestano e presto avremo farmaci efficaci, specifici e vaccini”. Così il virologo Giorgio Palù, professore emerito dell’Università di Padova, ha commentato ai microfoni di Telenuovo l’innalzamento del numero dei contagi in Italia e nel Veneto.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.