Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Editoriale Svegliati Europa PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Mercoledì 11 Novembre 2020 01:35


Numero 39. Novembre

 

Hanno annunciato pomposamente un Gran Reset, ma questo è già in atto da tempo: a dettarlo i satelliti e le risorse energetiche, la demografia e i confronti tra potenze continentali.
Viviamo in una crisi – ovvero in un momento di passaggio – e questo si ripercuote in scelte quasi obbligate da parte delle oligarchie per la propria tenuta nella trasformazione, al fine di perdurare a prescindere dai conflitti interni. Gli esiti? Li vedremo. A patto di non incappare in disperanti teorie di “fine della storia” alla Fukuyama.
Intanto le masse, considerate non troppo a torto come stupide, vengono tenute congelate e in stato ansiogeno. Un po' ovunque le misure “antipandemiche” sono le stesse: da mascherine non sempre utili ma sempre rituali a divisioni regolarmente in tre zone di rischio dove alcune attività economiche vengono paralizzate. Si globalizza il gregge mentre si fanno i conti sui poteri di amministrazione e distribuzione, tra Stati ormai ridotti a prefetture di un ordine più vasto e satrapie regionali e delle grandi città.
L'equilibrio si tiene sull'apparente precarietà. Ovunque si favoriscono guerre civili virtuali che talvolta sfociano in sangue reale. Il terrorismo jihadista s'inserisce beffardo. In tutte le nazioni occidentali gli equilibri politici sembrano impossibili per via di fronti contrapposti il cui conflitto ciarliero si chiude in parità. Dappertutto si avanza quindi con equilibri sostanzialemente affidati a commiassariamenti. La stessa Superpotenza per antonomasia non è esente dal clima della guerra civile, tanto apprezzato dalle Borse.
La massa, considerata scema dalla élite, dimostra che questa ha ragione. Incapace di cogliere anche uno solo dei contenziosi reali e delle partite in gioco, la gente si rifugia o in affidamento totale della propria vita ai potenti o nel più fosco immaginario apocalittico, scoprendo, solo ora, che la libertà è un optional, che chi ha il potere se lo tiene e che in democrazia ci sono i brogli.
Dovevano aspettare l'America per scoprirlo, qui non se n'erano mai accorti...

Ultimo aggiornamento Domenica 08 Novembre 2020 21:38
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.