Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Dal Covid alla guerra mondiale PDF Stampa E-mail
Scritto da cdt.ch   
Giovedì 12 Novembre 2020 00:28


Così la pensa la difesa britannica

 


Gli effetti devastanti che la pandemia di coronavirus sta avendo sull’economia globale «rischiano» di tradursi in una terza guerra mondiale: ne è convinto il capo di stato maggiore della difesa britannica, il generale Sir Nick Carter, secondo il quale tutti i Paesi del mondo dovrebbero imparare dalla storia e dai passi falsi che nel ventesimo secolo hanno portato alle precedenti guerre mondiali.
Secondo il generale, che ha parlato a Sky News, oggi a causa della pandemia, il mondo «è un posto molto incerto e ansioso», caratterizzato da un aumento dei conflitti regionali: uno scenario, questo, in cui «sarebbe possibile vedere una escalation tradursi in errori di calcolo».
La storia «potrebbe non ripetersi, ma ha un ritmo - ha aggiunto - e se guardiamo al secolo scorso, prima di entrambe le guerre mondiali penso che sia indiscutibile che ci fosse un’escalation che portò a errori di calcolo che alla fine portarono a guerre su una scala che speriamo non vedremo mai più».
Quindi, ha concluso, una terza guerra mondiale è «un rischio, e dobbiamo essere consapevoli di tali rischi».
Il Covid potrebbe scatenare una terza guerra mondiale e un esercito di 30.000 robot potrebbe combattere in futuro, afferma il comandante militare più anziano del Regno Unito.
Il generale Sir Nick Carter ha fatto le affermazioni sul futuro delle forze britanniche, avvertendo che le ricadute economiche della pandemia hanno reso la prospettiva della Terza Guerra Mondiale un "rischio".
E il capo dello staff della difesa ha affermato che l' esercito del paese, composto da 82.000 unità , inizierà ad avere un aspetto diverso mentre si modernizza per affrontare minacce nuove ed emergenti - con "robot" che potenzialmente combattono in prima linea.
Sir Nick ha fatto i commenti quando gli è stato chiesto da Sky News se temeva che la crisi economica globale causata dal coronavirus potesse portare alla guerra.
Ha detto di essere preoccupato che l'aumento dei conflitti regionali in atto in tutto il mondo possa sfociare in "una guerra in piena regola", rispecchiando il periodo precedente alle due guerre mondiali.
L'alto funzionario ha affermato che, con il mondo "un posto molto incerto e ansioso" durante la pandemia, c'era la possibilità "si potesse vedere un'escalation portare a errori di calcolo".
"Se guardi indietro al secolo scorso, prima di entrambe le guerre mondiali, penso che fosse indiscutibile che ci fosse un'escalation che portò all'errore di calcolo - che alla fine portò alla guer
Alla domanda se stesse dicendo che c'era una "minaccia reale" della Terza Guerra Mondiale, ha risposto: "Sto dicendo che è un rischio e dobbiamo essere consapevoli di questi rischi. La storia potrebbe non ripetersi, ma ha un ritmo.
"Ed è per questo che la memoria è importante, perché se guardi indietro alla storia, si spera che impari dalla loro esperienza e ti assicuri di essere molto cauto su come gestisci il tipo di conflitti regionali che vediamo svolgersi nel mondo oggi. "
Alla domanda sul futuro dell'esercito, ha detto di volere una forza "progettata per gli anni 2030" - ma ha ammesso: "Non ci arriveremo dall'oggi al domani".
E ha detto che il servizio avrà "tutti i tipi di persone diverse impiegate" - inclusa la "robotica".

Ultimo aggiornamento Domenica 08 Novembre 2020 22:31
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.