Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Quelli del 9 maggio PDF Stampa E-mail
Scritto da Gabriele Adinolfi   
Lunedì 09 Maggio 2022 00:59


Buone capriole!

È troppo facile sparare sulla Croce Rossa. Figurarsi quanto lo sarebbe breccolare i camerati che trovano le giustificazioni più assurde per esultare dietro alla Bandiera Rossa!
Certo, alcuni non vedevano l'ora di spogliarsi di ogni cosa per approdare in altri lidi; già li sento affermare che il fascismo non fu una vera rivoluzione, non come il bolscevismo; o che la Russia si difese dall'invasione proditoria, ignorando o fingendo di non sapere come allora la Germania anticipò la sua coltellata alle spalle. Compagni mancati che provano a rientrare dalla porta secondaria nella casa comunista che avevano mancato a suo tempo.
Ma gli altri si devono ripetere fino alla nausea delle scuse pietose per digerire la comunione odierna con gli orchetti della loro utopia tolkien-putiniana.
E qui sta il problema della loro infelicità.

La loro vittoria
Non voglio tornare ancora una volta sulla distorsione illusoria determinata da speranze delegate a personaggi e/o panorami immaginari per uscire dalla propria angoscia.
Diciamo che ci può anche stare, ma induce profondamente in errore e, soprattutto, irretisce.
Se si ragiona con freddezza e disincanto, se si stabilisce che qualcosa o qualcuno assumono una valenza positiva nei nostri ragionamenti, non è necessario identificarsi in essa o in lui come in una religione o in un capo. Si può benissimo essere germanofili ed europeisti senza mitizzare la Merkel e prendendo le distanze da alcune sue esternazioni. Si può benissimo approvare la politica estera e la linea europea di Macron senza fingere che la sua politica culturale ed economica siano d'arcobaleno.
Si deve invece essere realmente disturbati per immedesimarsi nella Vittoria Patriottica dei russi e per celebrarla insieme a Putin, fingendo con se stessi che non si tratti della vittoria sul fascismo, sull'Europa e sul ciclo eroico. Fino a che punto si è disposti a mentire a se stessi e a ingannarsi?
Dalla Charlemagne all'Armata Rossa la capriola è spettacolare e la disinvoltura è imbarazzante.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.