Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Roma, allarme bomba al McDonald's PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Giovedì 20 Maggio 2004 01:00

Sono stati trovati dentro un borsone davanti all'esercizio della catena americana di via Tiburtina. Sono stati fatti brillare dagli artificieri

Un borsone grigio, semiaperto, dal quale si intravede un fornello da campeggio, ha fatto scattare un allarme bomba davanti al McDonald's di via Tiburtina, a Roma. Sul borsone una scritta: "Sabotaggio contro l'impero". All'interno c'era unordigno incendiario. In una seconda valigia è stata trovata un'altra bomba. Entrambi confezionati artigianalmente, potevano esplodere, ma sono stati subito disinnescati. Si segue la pista anarchica.

Il primo ordigno infatti sarebbe stato confezionato utilizzando circa un centinaio di grammi di polvere pirica del tipo usata per caricare le cartucce da caccia, mentre il secondo con un quantitativo leggermente superiore. Secondo gli esperti dell'Arma, comunque, i due ordigni avrebbero potuto procurare solo "lievi danni". Il secondo ordigno era dentro una valigia tipo trolley rigida. Nella zona, circondata da un cordone di sicurezza, sono precauzionalmente giunti anche i vigili del fuoco del nucleo Nbcr, che possono far fronte ad ogni eventualità.

Essendo ordigni incendiari,è stato sottolineato, se fossero esplosi avrebbero infatti causato una fiammata, seguita da una leggera detonazione. Una prima valutazione degli investigatori dei carabinieri fa ritenere che il ritrovamento delle borse sia stato soprattutto "un gesto dimostrativo" e che con molta probabilità i due ordigni non siano stati confezionati per esplodere.

La procura di Roma ha avviato un'inchiesta: fabbricazione di ordigno esplosivo con finalità di terrorismoè il reato per cui procedono gli inquirenti. Il fascicoloè attualmente al vaglio del responsabile del pool antiterrorismo Franco Ionta in attesa di essere delegato ad un sostituto. La pista dell'antagonismo legata ad ambienti anarchiciè quella presa in considerazione dagli investigatori.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.