Maroni si scopre sempre più populista Stampa
Scritto da Asca   
Sabato 22 Maggio 2004 01:00

Le soluzioni del Ministro in materia fiscale. A dir suo favorirebbero innanzitutto le famiglie, ancor più importanti delle imprese. Propaganda elettorale ?

.jpg" border="0" align="left" />
Vicenza, 22 mag - Per la riduzione del carico
fiscale, prima bisogna partire dalle famiglie, e poi si puo'
intervenire sulle imprese. Lo ha ribadito il ministro Roberto
Maroni, a margine di un convegno in provincia di Vicenza.
''Abbiamo indicato due direzioni - ha spiegato Maroni circa
la distribuzione dei fondi che verranno reperiti - prima le
famiglie, introducendo il quoziente familiare che
distribuisce maggiori risorse alle famiglie in proporzione al
numero dei componenti: e' un modello gia' introdotto con
successo in Francia. Secondo, occorre agire a favore delle
imprese attraverso una riduzione dell'Irap. Questa e' la
proposta della Lega che si sta discutendo a livello di
governo''. Quanto, poi, al reperimento dei fondi Maroni ha
spiegato che ''posta la decisione del governo di ridurre
l'imposizione fiscale di circa 1% del Pil, questa
l'impostazione di Berlusconi cioe' 12,5 mld di euro, i
problemi sono due: primo dove trovarli, secondo dove
metterli. Su dove trovarli ci sono un po' di ragionamenti che
si stanno facendo''. La Lega - ha confermato il ministro -
''indica la strada della trasformazione dell'intervento
statale a fondo perduto in finanziamenti a tasso agevolato:
l'Italia e' il paese record in Europa per i finanziamenti a
fondo perduto, su 100 euro dati alle imprese, 76 sono a fondo
perduto. La media europea invece e' del 18%''.