Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Il Mossad:"Agenti segreti cercansi" PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Lunedì 24 Maggio 2004 01:00

Operazione trasparenza del servizio segreto israeliano. L'intelligence su Internet per battere la concorrenza dei privati

GERUSALEMME - "Camerieri, autisti e spie cercansi". E' questo,grosso modo, il messaggio lanciato dal super-servizio segreto israeliano nel suo sito Internet nuovo di zecca. Il Mossad, struttura d'intelligence d'eccellenza a livello internazionale, ha deciso di emergere dall'alone di oscurità e mistero che l'ha sempre caratterizzato. Per condurre questa "operazione trasparenza", l'intelligence israeliana ha scelto il Web.

Sul sito www.mossad.gov.il è possibile consultare decine di inserzioni per posizioni vacanti. Il servizio segreto cerca agenti, ingegneri, tecnici, ma anche un autista di bus e un barman anglofono. I candidati vengono accolti da un messaggio del direttore del Mossad, Méir Dagan: "Il Mossad è la sua gente. I nostri dipendenti sono il nostro vero cuore".

Fino a pochissimo tempo fa, il Mossad era un'elite ristretta nella quale gli agenti in servizio facevano entrare persone di fiducia. Venire a conoscenza di posti liberi era impresa pressoché impossibile. Questo, insieme alla sua proverbiale efficienza, aveva contribuito ad alimentarne il mito. La situazione è cambiata con il predecessore di Dagan, Ephraim Halevy, che nel 2000 decise di pubblicare sulla stampa israeliana inserzioni per la ricerca di personale. Il mutamento di rotta si deve principalmente alla concorrenza delle agenzie private, che rischiano di accaparrarsi i migliori cervelli.

Quello israeliano è solo l'ultimo servizio d'intelligence in ordine di tempo che sceglie la Rete per trovare rinforzi. La Cia statunitense ha un sito fin dal 1995. Il britannico Mi5 fa uso intensivo del Web: recentemente ha anche inaugurato una chat room per entrare in contatto con gli studenti e rendere appetibile agli occhi dei giovani una carriera da spia.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.