Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Bimbi disattenti? Troppe ore davanti alla tv Stampa
Scritto da Il Messaggero   
Sabato 24 Aprile 2004 01:00

NEW YORK - Il cervello degli esseri umani si forma e matura nei primissimi anni d'età. E se in quegli anni i bambini guardano troppa televisione, il loro cervello ne risente in modo grave.

Uno studio pubblicato sul numero di aprile dell'autorevole rivista specialistica Pediatrics ha lanciato l'allarme negli Usa: ogni ora di televisione che un piccolo guarda, fa aumentare del dieci per cento il rischio che a scuola egli soffra della «sindrome da ridotta capacità di attenzione e concentrazione».
Di studi sugli effetti deleteri del piccolo schermo sui giovani se ne sono fatti a bizzeffe negli Stati Uniti e nel resto del mondo. Gli esperti di psicologia infantile negli Usa si sono detti certi più volte che troppa televisione sia causa di obesità e di comportamento aggressivo. Tuttavia finora quasi tutte le ricerche si sono concentrate su bambini in età scolare. Questa, condotto dai ricercatori dell'Università di Washington a Seattle, è la prima che analizza gli effetti della televisione sui più piccoli, quelli in cui il cervello è ancora in fase di formazione. I ricercatori hanno constatato che nel primo anno d'età i bambini americani trascorrono una media di due ore e 20 minuti davanti alla tv. La media tocca quota 3 ore e 6 minuti per i bambini sopra i tre anni. Ma ci sono piccoli che hanno la tv nella loro cameretta e che possono guardarla per ore, anche per intere giornate. Il risultato di ciò si avverte solo più tardi quando i bambini cominciano ad andare a scuola: «Sullo schermo tutto avviene velocemente, a lampi brevi e improvvisi - spiega Dimitri Christakis, uno dei ricercatori -. Il cervello dei bambini si è formato su quei tempi, su quegli sprazzi, e non riesce più a concentrarsi quando non riceve lo stesso tipo di stimolo veloce».
Gli educatori hanno da tempo denunciato problemi nella capacità di concentrazione dei bambini a scuola. Venti anni fa, alcuni studi dimostrarono che gli scolari riuscivano a seguire gli insegnanti per un periodo di quindici minuti, poi si distraevano: quegli intervalli coincidevano con le scadenze degli intervalli pubblicitari dei programmi televisivi. Ma da allora la situazione è molto peggiorata. Anche insegnanti di eccezionale bravura e superba preparazione didattica dicono che un numero crescente di bambini non riesce mai a concentrarsi, neanche per qualche minuto.
Gli autori dello studio su Pediatrics raccomandano ulteriori ricerche, vista l'immesa complessità del tema. Tra l'altro, la sindrome da scarsa attenzione e capacità di concentrazione può esistere indipendentemente dall'influenza della televisione. Nelle sue forme più gravi è in genere di origine ereditaria: genitori irrequieti, nervosi, distratti, tendono a trasferire questi tratti caratteriali ai loro figli. Negli Usa i casi più gravi vengono curati con il Ritalin, un medicinale che può contribuire a migliorare molto la situazione, ma può anche avere effetti secondari seri. Recentemente si è notato ad esempio che i bambini che lo prendono, nel corso di due anni crescono di un centimetro meno di quelli che non lo prendono.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.