Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Stop alla 205 PDF Stampa E-mail
Scritto da Otto   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

La Legge 205/93, meglio conosciuta come Legge Mancino, infatti, i principi contenuti negli art. 2, 3, 4 comma II, 18, 21, 25, 36 della Carta Costituzionale, in particolare fondamentali diritti dei cittadini, quali la libertà di pensiero e di associazione

L’art. 21 della Costituzione Italiana, comma 1, 2 sancisce: “Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure (…)”.

Sono ormai dieci anni che in Italia, in palese violazione di questo punto cardine dei diritti e delle libertà inviolabili del cittadino, agisce una normativa liberticida (la Legge 205/93 Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa”, che ha modificato la precedente Legge 654/75 “Ratifica ed esecuzione della convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, aperta alla firma a New York il 7 marzo 1966”) divenuta utile strumento di repressione nelle mani di chi, attraverso un uso distorto e politicizzato della giustizia, intende colpire uomini e gruppi non politicamente corretti, i non allineati, coloro che, agendo comunque in un contesto di legalità, esprimono e manifestano il loro dissenso nei confronti del potere politico dominante; perseguiti in quanto non omologati e non omologabili. Si parla ipocritamente di democrazia, di tolleranza e di libero pensiero, ma si permette l’adozione di una legge a senso unico, che ruba la cittadinanza culturale ad un intero mondo di valori decretandone criminalmente la condanna; una normativa fatta “su misura” per imbavagliare chiunque osi affermare la propria appartenenza, difendere la propria identità e la propria memoria storica.

La Legge 205/93, meglio conosciuta come Legge Mancino, viola, infatti, i principi contenuti negli articoli 2, 3, 4 comma II, 18, 21, 25, 36 della Carta Costituzionale, in particolare fondamentali diritti dei cittadini, quali la libertà di pensiero e di associazione.

Una normativa discutibile non solo dal punto di vista politico, ma pure giurisprudenziale, nel momento in cui il Legislatore non ha fornito nessuna definizione di “razza”, “razzismo”, né, soprattutto, di “discriminazione”. Cosa

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.