Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Alterview
Il traffico di esseri umani colpisce tutti i paesi africani PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Mercoledì 28 Aprile 2004 01:00

L' Unicef ha pubblicato un rapporto del Centro di Ricerca Innocenti di Firenze.

Secondo questo studio la meta' degli stati riconosce il traffico di esseri umani come ''un grave problema, soprattutto per quanto riguarda le donne e i bambini''.Il rapporto prende in considerazione 53 paesi africani. La tratta non rimane un fenomeno interno all'Africa: nel 34% dei paesi africani essa e' diretta verso l'Europa, mentre per un altro 26% i flussi sono diretti verso il Medio oriente e gli Stati arabi. La tratta all'interno dei confini nazionali e' molto diffusa, essendo presente in 8 paesi africani su dieci.

 
Due molotov inesplose contro Forza Nuova a Verona PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Martedì 27 Aprile 2004 01:00

La prima è stata trovata alle 2 davanti alla sede del movimento in via Filopanti, la seconda l’ha scoperta la polizia sull’uscio dello studio dell’avvocato Bussinello.

La ricerca dei responsabili è al vaglio degli investigatori e delle forze di polizia competenti. L'episodio sembra ascrivibile alle iniziative della sinistra antagonista legate alle "celebrazioni" del 25 aprile.
 
Attentato a sede FN Roma PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

Nella notte tra domenica 25 e lunedì 26 aprile ignoti hanno tentato di dare alle fiamme la sede di Forza Nuova a Roma.

Sul posto sono stati ritrovati i resti di un asciugamano di spugna e di una tanica di plastica, serviti l'uno come "miccia" e l'altro come "esplosivo". I danni sono stati abbastanza ingenti con tutti i vetri frantumati e la saracinesca danneggiata. Non ci sono indizi su persone o gruppi, ma il fatto che sia accaduto a ridosso del 25 aprile lascia supporre una matrice politica di stampo antifascista.

 
Internet, una falla rischia di mandare in tilt il Web PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

Sui routers che governano la Rete c'è un difetto a «rischio hacker». Uno studioso americano presenterà giovedì i risultati.

WASHINGTON - Internet è in pericolo. I ricercatori hanno scoperto una falla che, se non sarà riparata, potrà essere sfrutatta dagli hackers per mandare in tilt la Rete globale, facendo saltare tutte le connessioni e impedendo l'invio di email e messaggi istantanei. Un doppio avvertimento alla comunità tecnologica mondiale è partito dal dipartimento per la Sicurezza Interna negli Usa e dal centro nazionale per la cybersicurezza in Gran Bretagna e la scelta dei tempi non è casuale. Giovedì a Vancouver (Canada) un ricercatore americano, Paul Watson, presenterà pubblicamente i risultati di un suo studio che ha individuato il problema. I governi americano e britannico, così come gran parte degli esperti di sicurezza delle grandi società internazionali, sono al corrente da settimane di ciò che ha scoperto Watson, ma lo studioso ha previsto che i rischi diventeranno seri dopo la sua relazione ad una conferenza sulla sicurezza del web. «Cinque minuti dopo che avrò lasciato la sala, gli hacker cominceranno a capire come lanciare gli attacchi», ha detto Watson.

PROTOCOLLO - Il problema riguarda il Tcp, ovvero il «Transmission control protocol», il protocollo che gestisce tutto il traffico sulla Rete. Watson sostiene di aver individuato un metodo per far chiudere le connessioni al web dei personal computer e soprattutto dei routers, le apparecchiature che coordinano il flusso dei dati e costituiscono gli snodi fondamentali di Internet. Gli esperti fino ad ora ritenevano che occorressero tra 4 e 142 anni per riuscire a costringere a distanza i routers a bloccarsi e ripartire - mandando ko nello stesso tempo la navigazione su Internet per larghe fette di utenti - perché occorre indovinare un numero che cambia continuamente, in mezzo a  
Il settarismo satanico in Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Diego di Sopra   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

Analisi sul settarismo satanico in Italia di Diego Di Sopra, dopo la conferenza “I giovani e il satanismo” svoltasi il 18 marzo 2004 a Pavia.

Il silenzio è un nemico. Il silenzio e l’indifferenza sono i migliori alleati del male. Pensateci, non conosciamo i nomi di coloro che inchiodarono Gesù Cristo alla croce. Ci ricordiamo a malapena i nomi dei giudei che lo giudicarono falsamente e lo condannarono ingiustamente a morte. Il nome di Ponzio Pilato invece lo ricordiamo tutti. Gli esecutori materiali della condanna furono più brutali di lui e i giudici più crudeli. In Pilato alla fine ci fu soltanto il timore e il silenzio. Nonostante ciò, ricordiamo proprio il nome di Pilato, incapace di schierarsi. Se ne dovette lavare le mani! Questa è una lezione per tutti! Bisogna condannare chi fa il male, ma anche chi avrebbe la possibilità di impedirlo e non fa nulla. Chi rimane indifferente o non vuole schierarsi è colpevole e il silenzio in genere ancora più colpevole. Non si può tacere se si vuole combattere il male. Non ci si può nascondere. Bisogna parlare e schierarsi, costi quel che costi! Premesso questo… Il Viminale in Italia ha lanciato l’allarme sulle sette da molto tempo. Nel 1994 è stato fatto il primo vero censimento del ministero degli Interni, secondo il Viminale erano attive sul territorio italiano 366 sette ufficiali. Ma le ultime cifre non ufficiali sono ben più inquietanti, forse sono circa 800 tra sette, associazioni e culti vari, concentrati in prevalenza a Torino, Roma, Lombardia, Emilia e alcune realtà del Veneto. Si parla di oltre 80.000 adepti in centinaia di gruppi, tra sincretismi, false chiese, new age, esoterici, occultisti e satanisti. Sintomo di una società moderna senza più valori. Dunque accanto ad una miriade di nuovi culti iniziano a proliferare, anche nella nostra penisola, pericolose sette. In Italia è oramai innegabile una realtà satanico-rituale. Studi, elaborati dalla Polizia di Prevenzione, dimostrano che in Italia, in questi ultimi anni, si è registrato un notevole incremento di sette sataniche (prolificano aiutate dal silenzio attorno a loro). Il proliferare delle sette è un fenomeno tipico della modernità. L'Italia, feudo traballante del cattolicesimo, tra poco non avrà più niente da invidiare agli stati americani, in particolar modo alla California patria conclamata delle sette. La cronaca nera periodicamente ci riporta notizie legate al satanismo. Reati come truffa, messe nere, capretti sgozzati, sesso di gruppo, abusi sessuali anche su minori ed episodi di vampirismo o cannibalismo su cadaveri riesumati di notte nei cimiteri. Queste sono le accuse che più frequentemente colpiscono le sette sataniche. Di fronte al fenomeno satanista troppo spesso si è indifferenti o addirittura increduli. Spesso i segnali inequivocabili sono sottovalutati perfino dai prudenti ministri della Chiesa cattolica. Non si sconfigge Satana negandone l’esistenza. Chi nega l’esistenza di un fenomeno perverso come il satanismo, si rende complice. Attenzione, anche quello che può sembrare in un primo momento innocuo, in realtà non lo è affatto. Ad esempio le sedute spiritiche fatte per gioco dagli adolescenti, si gioca col fuoco e inevitabilmente qualcuno si brucia! Infatti, la prima fase del reclutamento satanista è l’accettazione dei suoi simboli e la lenta assimilazione delle letture occulte e sataniche. Attenzione, lenta ma ben mirata! In un’altra fase s’iniziano a praticare, quasi per gioco, riti magici (ritenuti innocui) fino alla vera e propria iniziazione che differisce da gruppo a gruppo. Si uccidono animali o si disegnano più semplicemente simboli satanici per poi passare a violenze d’ogni tipo (l’abuso rituale), fino all’omicidio rituale. Cosa fare? La situazione va affrontata con coraggio. Chi è consapevole del problema e dei pericoli non può tacere. Quanti giovani si possono salvare dalle grinfie del Diavolo? Col no

 
Europee, presentati i simboli PDF Stampa E-mail
Scritto da Stampa.it   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

TRICOLORI E STELLE GIALLE I PIÙ GETTONATI Europee, è accordo nella Lista Unitaria, Lilli Gruber al Centro, Santoro al Sud, Letta nel Nord-Est

ROMA. Il parto difficile delle candidature della Lista Prodi per le elezioni europee di giugno è, a grandi linee, compiuto. Fino a martedì, quando le liste saranno presentate al pubblico dai quattro leader del «quadriciclo», potranno esserci ancora dei cambiamenti. Nelle caselle da riempire - 78 candidati, 15 dei quali indipendenti, 63 da spartire tra i partiti secondo quote proporzionali ma non rigide - resta ancora qualche buco. Dopo la rinuncia definitiva di Bindi, l'impasse sarebbe stato risolto convincendo a candidarsi il recalcitrante Enrico Letta. Il condizionale è d'obbligo, in quanto l'assenso del responsabile economico della Margherita, ex popolare oggi molto vicino a Prodi, viene dato al 95%. Nella circoscrizione di Nord Ovest il capolista è Bersani, l'ex ministro dell'Industria, oggi responsabile economico e n. 2 della Quercia. Seconda in lista, Patrizia Toia, Margherita, già esponente del governo Amato. A seguire, i ds dovrebbero schierare Mercedes Bresso e Marta Vincenzi, ex presidenti delle province di Torino e di Genova, ancora non certo per lo Sdi il nome di Ugo Intini. Nel Nord est capolista sarà Letta, affiancato dal numero due Giovanni Berlinguer, esponente di primo piano del Correntone ds. Nella stessa circoscrizione si presenterà il ds emiliano Mauro Zani. Al Centro, Lilli Gruber ottiene il posto di capolista, accanto al numero due Lapo Pistelli della Margherita. Al Sud, Massimo D'Alema sarà «abbinato» al socialista Ottaviano Del Turco, numero due. Certi anche Michele Santoro, indipendente e Giovanni Procacci della Margherita. La lista delle isole sarà guidata invece da Luigi Cocilovo, altro esponente della Margherita, mentre il numero due sarà Claudio Fava, Correntone ds. La novità più eclatante di quest'area sarà comunque il professor Latteri, potentissimo rettore dell'università di Catania, passato recentemente da Fi alla Margherita.

 
Il "Quarto Vuoto", nuova frontiera energetica PDF Stampa E-mail
Scritto da Sole24Ore   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

Riad. Ministro al-Naimi, quanto vuoto è il Quarto Vuoto, il Rub al-Khali? < Forse sulla sua superficie non c'è niente tranne un mare di sabbia, ma il suo sottosuolo è pieno di greggio>, risponde Ali al-Naimi, ministro saudita del Petrolio.

<Ne stiamo già producendo mezzo milione di barili al giorno e siamo convinti che presto troveremo anche grandi riserve di gas. No, non credo proprio che quel pezzo di deserto sia vuoto: penso sia invece traboccante di potenzialità>.

Il Rub al-Khali o <la sabbia>, come lo chiamano semplicemente i beduini che temono di attraversarlo con le loro carovane, è il deserto assolutodi 362mila chilometri quadrati nel sud-ovest dell'Arabia Saudita, diventato ora la nuova frontiera energetica del Paese. Più del petrolio è il gas che al-Naimi conta di trovare in gran quantità. E' per questo che l'esplorazionedi quel deserto è stata aperta alle compagnie straniere. La russa Lukoil ne esplorerà 29.900 chilometri quadrati, i cinesi di Sinopec 38.800, l'Eni e la spagnola Repsol 52.000.

Ma è evidente che il petrolio resterà per un numero incalcolabile di anni il supermotore dell'economia saudita. Nel 2003, a maggio, era stato raggiunto un picco di produzione giornaliera di 9 milioni e mezzo di barili; sceso a 8.35 alla fine dell'anno. Anche se al-Naimi non è completamente d'accordo, sono tutte ottimistiche le previsioni sulla domanda di greggio nell'immediato futuro.

Vere o false che siano le aspettative, in ogni caso il governo saudita ha già previsto che un calo della produzione nel 2004 provocherà una contrazione dell'economia, attenuata e forse superata sopratutto dalla crescita del settore privato nazionale e della produzione industriale non petrolifera.

Il Rub al-Khali, comunque, continuerà ad essere la frontiera di nuove speranze energetiche. Nelle intenzioni saudite la produzione del gas estratto dal gigantesco Quarto Vuoto non sarà destinata all'esportazione, come fanno in Qatar e negli Emirati che confinano proprio con l'area che dovrà esplorare l'Eni. Entro pochi anni al-Naimi vuole raddoppiare fino a 14 milioni di piedi cubi al giorno, l'attuale produzione di gas, per ottenere l'energia necessaria agli impianti di desalinizzazione e dell'industria chimica.

Con l'uso del gas i sauditi calcolano di risparmiare un sesto degli 8 milioni di barili di petrolio che vengono prodotti ogni giorno. A meno che il Rub al-Khali non dimostri di essere più pieno di quanto lo stesso al-Naimi sia convinto, per un tempo indefinibile è escluso che il gas saudita possa essere destinato all'esportazione.

 
Stop alla 205 PDF Stampa E-mail
Scritto da Otto   
Lunedì 26 Aprile 2004 01:00

La Legge 205/93, meglio conosciuta come Legge Mancino, infatti, i principi contenuti negli art. 2, 3, 4 comma II, 18, 21, 25, 36 della Carta Costituzionale, in particolare fondamentali diritti dei cittadini, quali la libertà di pensiero e di associazione

L’art. 21 della Costituzione Italiana, comma 1, 2 sancisce: “Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure (…)”.

Sono ormai dieci anni che in Italia, in palese violazione di questo punto cardine dei diritti e delle libertà inviolabili del cittadino, agisce una normativa liberticida (la Legge 205/93 Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa”, che ha modificato la precedente Legge 654/75 “Ratifica ed esecuzione della convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, aperta alla firma a New York il 7 marzo 1966”) divenuta utile strumento di repressione nelle mani di chi, attraverso un uso distorto e politicizzato della giustizia, intende colpire uomini e gruppi non politicamente corretti, i non allineati, coloro che, agendo comunque in un contesto di legalità, esprimono e manifestano il loro dissenso nei confronti del potere politico dominante; perseguiti in quanto non omologati e non omologabili. Si parla ipocritamente di democrazia, di tolleranza e di libero pensiero, ma si permette l’adozione di una legge a senso unico, che ruba la cittadinanza culturale ad un intero mondo di valori decretandone criminalmente la condanna; una normativa fatta “su misura” per imbavagliare chiunque osi affermare la propria appartenenza, difendere la propria identità e la propria memoria storica.

La Legge 205/93, meglio conosciuta come Legge Mancino, viola, infatti, i principi contenuti negli articoli 2, 3, 4 comma II, 18, 21, 25, 36 della Carta Costituzionale, in particolare fondamentali diritti dei cittadini, quali la libertà di pensiero e di associazione.

Una normativa discutibile non solo dal punto di vista politico, ma pure giurisprudenziale, nel momento in cui il Legislatore non ha fornito nessuna definizione di “razza”, “razzismo”, né, soprattutto, di “discriminazione”. Cosa

 
Gb: politici in subbuglio, cellulari a rischio hacker PDF Stampa E-mail
Scritto da ANSA   
Domenica 25 Aprile 2004 01:00

'Times' lancia allarme, c'e' una falla tecnologica Gb: politici in subbuglio, cellulari a rischio hacker

LONDRA, 24 APR - Una falla tecnica in moltitelefonini espone i parlamentari britannici e milionidi utenti a rischio hacker, rivela il 'Times'.Un'inchiesta del giornale britannico, incollaborazione con una societa' specializzata, scopreche i cellulari possono essere usati come 'cimici'.Utilizzando Bluetooth, un sistema che permette a computer e cellulari di comunicare attraverso onde radio, puo' essere possibile,per pirati esperti,ascoltare le comunicazioni senza essere scoperti.

 
Mandato di cattura europeo PDF Stampa E-mail
Scritto da Italianiliberi.it   
Sabato 24 Aprile 2004 01:00

Avviso agli Italiani e ai cittadini di tutti gli Stati membri dell'Unione europea.

La legge quadro sui reati di razzismo e xenofobia deliberata dal governo dell’Unione Europea impedisce in forma assoluta qualsiasi forma del pensiero, sia come “sentimento” sia come “espressione” detta, scritta, manifestata nei confronti di un individuo o di un gruppo, e che un magistrato, in base al suo personale convincimento, ritenga pregiudizialmente negativo. Questo convincimento potrà far scattare il processo, in uno degli Stati membri dell’Unione, a carico dell’individuo o del gruppo in questione, che sarà chiamato a risponderne davanti a quel magistrato quale che sia la nazionalità, la lingua, la residenza dell’inquisito, fino al mandato di arresto e al congelamento dei beni. Si tratta di una legge che suggella la fine di ogni libertà, di ogni civiltà giuridica, e instaura, al riparo del Tribunale dell’Inquisizione e del terrore psicologico e fisico, la più assoluta dittatura.
Cari Italiani, o cari Francesi, Tedeschi, Austriaci, Inglesi, Olandesi, Belgi, Svedesi, Danesi, Spagnoli, Portoghesi, e tutti gli altri cittadini dell’Unione, questa è una battaglia che dobbiamo fare insieme, organizzando manifestazioni di piazza prima che la legge sui reati di razzismo e xenofobia vada in vigore nel prossimo maggio. Dopo non potremo più né parlare, né scrivere, né fare manifestazioni di nessun genere. Dobbiamo convincerci che nessun partito, nessuna organizzazione politica, nessun detentore di potere ci aiuterà, perché anzi questa è la loro arma più forte per ottenere la passività totale dei sudditi e realizzare lo scopo che è alla base del progetto di unione europea: annientare la personalità degli individui e dei popoli, convincerli con la violenza dell’imposizione autoritaria che non si deve pensare.
Chiunque abbia delle idee, delle proposte, ce le faccia sapere, tenendo comunque presente che anche i giornalisti, col loro silenzio, sono stati fino ad oggi complici dei politici nell’instaurazione del regime inquisitoriale del Terrore, e che quindi non si può contare su di loro.

Nota:
Daremo i dettagli sui paragrafi della legge e il relativo commento nei prossimi articoli. Informiamo, comunque, che l’unico magistrato che ha espresso il suo parere “tecnico”, assolutamente negativo su questa legge è il Presidente del Tribunale dei Minori di Trento, Dott. Carlo Alberto Agnoli, il quale è stato anche ascoltato in proposito dalla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, senza ovviamente ottenere nulla. Se il Dott. Agnoli ritiene incredibile che nella numerosissima schiera di magistrati e di avvocati che affolla il nostro paese, non si alzi neanche una voce a difendere la nostra civiltà giuridica, io so invece che non può non essere così. Lo scopo primario dell’unificazione europea è stato, fin dall’inizio, una dittatura comunista, con l’eliminazione delle Nazioni, degli Stati, delle differenze di pens

 
Bimbi disattenti? Troppe ore davanti alla tv PDF Stampa E-mail
Scritto da Il Messaggero   
Sabato 24 Aprile 2004 01:00

NEW YORK - Il cervello degli esseri umani si forma e matura nei primissimi anni d'età. E se in quegli anni i bambini guardano troppa televisione, il loro cervello ne risente in modo grave.

Uno studio pubblicato sul numero di aprile dell'autorevole rivista specialistica Pediatrics ha lanciato l'allarme negli Usa: ogni ora di televisione che un piccolo guarda, fa aumentare del dieci per cento il rischio che a scuola egli soffra della «sindrome da ridotta capacità di attenzione e concentrazione».
Di studi sugli effetti deleteri del piccolo schermo sui giovani se ne sono fatti a bizzeffe negli Stati Uniti e nel resto del mondo. Gli esperti di psicologia infantile negli Usa si sono detti certi più volte che troppa televisione sia causa di obesità e di comportamento aggressivo. Tuttavia finora quasi tutte le ricerche si sono concentrate su bambini in età scolare. Questa, condotto dai ricercatori dell'Università di Washington a Seattle, è la prima che analizza gli effetti della televisione sui più piccoli, quelli in cui il cervello è ancora in fase di formazione. I ricercatori hanno constatato che nel primo anno d'età i bambini americani trascorrono una media di due ore e 20 minuti davanti alla tv. La media tocca quota 3 ore e 6 minuti per i bambini sopra i tre anni. Ma ci sono piccoli che hanno la tv nella loro cameretta e che possono guardarla per ore, anche per intere giornate. Il risultato di ciò si avverte solo più tardi quando i bambini cominciano ad andare a scuola: «Sullo schermo tutto avviene velocemente, a lampi brevi e improvvisi - spiega Dimitri Christakis, uno dei ricercatori -. Il cervello dei bambini si è formato su quei tempi, su quegli sprazzi, e non riesce più a concentrarsi quando non riceve lo stesso tipo di stimolo veloce».
Gli educatori hanno da tempo denunciato problemi nella capacità di concentrazione dei bambini a scuola. Venti anni fa, alcuni studi dimostrarono che gli scolari riuscivano a seguire gli insegnanti per un periodo di quindici minuti, poi si distraevano: quegli intervalli coincidevano con le scadenze degli intervalli pubblicitari dei programmi televisivi. Ma da allora la situazione è molto peggiorata. Anche insegnanti di eccezionale bravura e superba preparazione didattica dicono che un numero crescente di bambini non riesce mai a concentrarsi, neanche per qualche minuto.
Gli autori dello studio su Pediatrics raccomandano ulteriori ricerche, vista l'immesa complessità del tema. Tra l'altro, la sindrome da scarsa attenzione e capacità di concentrazione può esistere indipendentemente dall'influenza della televisione. Nelle sue forme più gravi è in genere di origine ereditaria: genitori irrequieti, nervosi, distratti, tendono a trasferire questi tratti caratteriali ai loro figli. Negli Usa i casi più gravi vengono curati con il Ritalin, un medicinale che può contribuire a migliorare molto la situazione, ma può anche avere effetti secondari seri. Recentemente si è notato ad esempio che i bambini che lo prendono, nel corso di due anni crescono di un centimetro meno di quelli che non lo prendono.

 
<< Inizio < Prec. 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.