Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Febbraio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Alterview
Un venticello comunque c’è PDF Stampa E-mail
Scritto da tratto da areabinaria   
Lunedì 14 Giugno 2004 01:00

Speciale europee In controtendenza rispetto alla non linearità del voto, un po’ ovunque si assiste al successo delle liste identitarie

Irlanda - Sinn Feinn triplica i voti europei
Spagna - Coaliz. Galeusca 3 eurodeputati
Coaliz. Europa de los Pueblos 1 eurodep.

Inghilterra - Ukip - circa 15 %
Polonia - Autodifesa 14%
Belgio - Vlaams Block 14% europee
22% amministrative

 
LA CINA CONQUISTA I BIG DELL'OCCIDENTE PDF Stampa E-mail
Scritto da Vittorio Da Rold   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Per il Bilderberg group lo sviluppo di Pechino sta mutando tutti gli equilibri geopolitici ed economici

Stresa. "La cina sta cambiando e cambierà sempre di più gli equilibri del mondo. Ma la strada che ha davanti a sé è densa di ostacoli e irta di difficoltà". Henry Kssinger a Stresa, davanti al gotha mondiale della finanza e della politica riunito in occasione della seconda giornata dei lavori dell'incontro annuale del Bilderberg group "riapre" per la seconda volta alla Cina. La prima avvenne quando era segretario di Stato del Presidente americano Richard Nixon e aprì, tra lo stupore generale, a Pechino con la cosiddetta politica del ping pong: per la prima volta dalla vittoria dei comunisti di Mao la nazionale americana di ping pont appunto poté varcare i confini cinesi e giocare con la nazionale locale. Così il repubblicano Kissinger, pragmaticamente, tese la mano a Pechino e spaccò il blocco comunista allora guidato dall'Urss. Il mondo, da quel momento, cessò di essere bipolare. Oggi, come allora, è ancora la Cina che entra prepotentemente sulla scena geopolitica. "Il mondo non sarà più come prima dopo l'ingresso sui mercati del gigante cinese, la manifattura del mondo", gli fanno eco Eberhard Sandschneider, direttore dell'Istituto tedesco per la politica internazionale e Jorma Ollila, presidente e Ceo della Nokia, il colosso europeo di telefonini. Pechino sta cambiando gli equilibri politici e la base produttiva mondiale: gli altri Paesi devono cambiare la loro "missione economica": più ricerca nei settori di punta e meno prodotti a basso costo. E in fretta. Certo Pechino ha aperto alla proprietà privata nella ultima versione della Costituzione appena approvata ma occorre molta cautela. Il Paese ha bisogno di una guida sicura per evitare pericolosi focolai di instabilità e affrontare le immense sfide sociali: si prevede nei prossimi anni un esodo biblioco di 250 milioni di cinesi dalle campagne alla città e già offi la classe agiata cinese è più grande di quella europea e prima o poi chiederà maggiori libertà civili. Un tema caldo quello dei diritti umani, una questione che l'Europa e gli Stati Uniti hanno affrontato con molta prudenza. La cina preme su Bruxelles perchè venga rimosso il bando della vendita di armi varato dopo la repressione di piazza Tienanmen e francesi, tedeschi e inglesi (in sala tra i 130 big presenti c'era Philippe Camus, Ceo di Eads, il gigante dell'areonautica europea) cominciano a chidersi se non sia giunto il tempo di una svolta. Sullo sfondo resta la debolezza delle strutture societarie e del mondo creditizio cinese, motivi che hanno indotto le autorità monetarie locali alla prudenza verso chi chiedeva tassi di cambio più flessibili rispetto al dollaro. Anche il mercato petrolifero ha subito lo shock cinese. L'ingresso della Cina ha cambiato gli equilibri dei consumi di greggio facendola diventare un elemento destaibilizzante sui mercati cui solo la Russia di Vladimir Putin può, grazie alle risorse immense di greggio che si trovano sul suo territorio e alle nuove tecnologie estrattive occidentali, porre rimedio. Mosca potrebbe - secondo il Bilderberg group - "calmierare il mercato del greggio e del gas". Ecco perchè la stabilità politica della Russia è di fondamentale importanza per le sorti future dell'Occidente. Infine si è parlato di elezioni americane dove Ralph Reed, presidente del Century Strategies, per i repubblicani e John Edwards, senatore democratico della Carolina del Nord e sfidante alle primarie di John Kerry, hanno parlato delle prossime consultazioni di novembre. Le ultimissime previsioni elettorali rese note nel corso del meeting sono di un testa a testa tra i due sfidanti per la Casa Bianca: 45% a 45%, il resto indecisi.
 
Il Bilderberg Group PDF Stampa E-mail
Scritto da il Sole24ore   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Il gotha dell'economia e della politica europea mondiale - 130 invitati d'eccellenza - si è confrontato a Stresa per tre giorni, per la prima volta a porte chiuse, sul futuro del mondo.

Il vertice del Bilderberg group, arrivato quest'anno alla sua 52esima edizione, prende il nome dall'hotel olandese in cui si riunirono per la prma volta nel 1954 alcuni eminenti personaggi provenienti da Stati Uniti ed Europa per confrontarsi e lavorare insieme sui problemi politici internazionali. Dopo 51 edizioni si è compreso che le discussioni private avrebbero potuto aiutare a capire meglio le complesse forze che regolano i rappporti tra i Paesi occidentali dalla fine della seconda guerra mondiale, anche considerando che dopo il 1989 i problemi comuni ai due lati dell'atlantico non sono diminuiti, ma sono purtroppo aumentati. da: Il Sole 24 Ore - domenica 6 giugno 2004
 
EUROPEE ED AMMINISTRATIVE AL VIA FRA ERRORI E POLEMICHE PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Berlusconi a urne aperte: FI oltre il 25%, non votate i piccoli. L'opposizione insorge. Attentato contro FI. Saccheggiata direzione PRC. Il 20,4% al voto.

ROMA - Il pasticcio napoletano, con le elezioni provinciali rinviate poco dopo mezzanotte, e poi confermate all'alba, e' stato l'episodio piu' clamoroso di questa prima giornata di voto. Nelle stesse ore, pero', si e' fatto sentire il rumore cupo del terrorismo, quello di matrice anarchico-insurrezionalista, che ha fatto esplodere un ordigno rudimentale contro una sede di Forza Italia a Quartu Sant'Elena. Nessun danno grave, molto spavento ma, soprattutto, sono stati colti in flagrante e arrestati tre esponenti del movimento, circostanza commentata con soddisfazione dal ministro dell'Interno Pisanu.

La scena elettorale, per il resto, e' stata dominata da una lunga scia di pasticci, piccoli e grandi, di violazioni, vere o presunte, della legge elettorale con tanto di code polemiche.


* A NAPOLI SI VOTA, NON SI VOTA, SI VOTA
E' stata una lunga notte elettorale, chiusa con la decisione del ministero dell'Interno e del Prefetto di Napoli: si vota regolarmente. Il prefetto Profili, preso atto della sentenza del Consiglio di Stato che confermava quella del Tar (fuori le liste dei Verdi Verdi) aveva deciso in un primo momento di rinviare il voto: i manifesti elettorali, infatti, affissi dopo il 31 maggio non erano rimasti esposti per almeno 15 giorni prima del voto, come prevede la legge elettorale. Alcune ore di consultazioni (il prefetto, secondo An, riceve il sindaco Iervolino, il presidente Bassolino e il candidato del centrosinistra alla Provincia, Di Palma) e annuncia, poco prima delle 5, che le elezioni si terranno regolarmente. Scoppiano le polemiche. Forza Italia annuncia che fara' ricorso contro il voto, per la provincia di Napoli e per il comune di Portici.

* NEL COSENTINO E NEL VARESOTTO COMUNALI RINVIATE
Le elezioni comunali sono state rinviate di 15 giorni in 8 paesi in provincia di Cosenza e in uno in provincia di Varese. In Calabria il rinvio e' stato determinato dal fatto che i rappresentanti di alcune liste dapprima escluse e poi riammesse hanno chiesto di poter fare campagna elettorale. In Lombardia il rinvio e' dovuto alla riammissione da parte del Tar, che in un primo tempo l'aveva esclusa, di una lista civica.

* A PADOVA TUTTO DA RIFARE: LE SCHEDE ERANO SBAGLIATE
Rotative infuocate per le tipografie di Padova. Uno scrupoloso presidente di seggio si e'accorto di un errore clamoroso: sulla scheda per il Comune era stampato un simbolo che si riferiva alle elezioni comunali per il comune di Piove di Sacco. Dalle 14 circa le tipografie si sono messe a stampare quasi 220 mila moduli per le votazioni. Intorno alle 16 erano stati consegnati i primi 15 stampati. Il sindaco Giustina Destro ha informato il ministro dell'Interno e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio. La Margherita locale e' furibonda: negligenza gravissima.

* SCHEDE ERRATE A POTENZA E NEL CHIETINO
Nel capoluogo lucano a 40 elettori sono state consegnate schede di un collegio diverso dal loro: l'errore e' stato scoperto solo dopo il voto. Nelle due sezioni di Perano (Chieti) a 13 elettori sono state consegnate schede con i nomi dei candidati a sindaco invertiti rispetto alla lista che li sostiene.

* 'STO CON FINI' SUI CIELI DI MARCHE E LAZIO, E' POLEMICA
Un aereo da turismo ha sorvolato la riviera marchigiana e poi la costa laziale. Sulla coda recava un enorme striscione pubblicitario. ''Io sto con Fini''. Proteste immediate. Paolo Cento, deputato dei Verdi, ha protestato. Aerei simili sono stati visti nel Salento e sul cielo di Bergamo simile.

* SACCHEGGIATI LOCALI DIREZIONE PRC A ROMA
Ignoti si sono introdotti nella sede nazionale in viale del Policlinico saccheggiando alcuni locali e disegnando sui muri la stella a cinque punte inneggiante alle Brigate rosse''. La direzione del partito ha definito l'incursione ''un inquietante atto vandalico, nonche' un'evidente provocazione politica a poche ore dall'ap
 
Orfani di stelle PDF Stampa E-mail
Scritto da ANSA   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Un’umanità rattristata, dimentica dei sogni, aliena da ogni dimensione metafisica, alla rincorsa delle stelle e dei pianeti per cercare, altrove, se stessa

WASHINGTON - La sonda Cassini-Huygens è passata accanto a Phoebe, una delle lune di Saturno: è un avamposto del pianeta degli anelli, nella cui orbita Cassini si accinge ad entrare.
La sonda, che ha un motore al plutonio e porta con sé 12 strumenti scientifici e una navicella, s'è avvicinata a meno di duemila chilometri da Febe, secondo quanto riferiscono fonti del Jet Propulsion Laboratory della Nasa di Pasadena. La missione della sonda, che ha coinvolto 260 scienziati europei e americani, e' ormai prossima alla fase finale, dopo un viaggio nello spazio di oltre sei anni.

Cassini raggiungerà nei prossimi giorni Titano, la luna più grande del sistema, sulla quale dovrebbe fare scendere la navicella Huygens, e poi dovrebbe entrare nell'orbita di Saturno e rimanervi per almeno quattro anni, raccogliendo e inviando dati utili sull'evoluzione del sistema solare. Il pianeta Saturno fu visitato per la prima volta dalla sonda Pioneer 11 nel 1979, ma gran parte di ciò che si conosce sul suo conto e' stato scoperto da Voyager nel 1980-'81.

 
Alla fiera dell’individualismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Succede anche questo. Massacrato a Roma un giovane barbone a colpi d’ascia. Una tragedia del disagio e dell’abbrutimento che ben denota le attuali condizioni di cultura e di esistenza

D.T., un uomo di 35 anni, è stato arrestato con l'accusa di aver ucciso, la scorsa notte, un vagabondo trovato morto in un camper a Padova. L'indiziato avrebbe confessato di aver freddato la vittima, con cui saltuariamente divideva il camper, con cinque colpi d'ascia alla testa.
 
Cose da pazzi PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Come in America. La nostra società regredita nell’adolescenziale e preda delle nevrosi richiede assistenza. L’ultima uscita per ridare competitività ad un’economia esangue e preda della concorrenza sleale delle multinazionali ? Lo psicologo, ovviamente !

MILANO, 12 GIU - Flessibilità e precarietà sono i primi nemici di lavoratori e aziende. È emerso in un convegno sulla Psicologia del Lavoro a Milano. Lo stress e le ansie legate al futuro anche economico rischiano di danneggiare il capitale umano su cui le società dicono di voler puntare. 'Bisogna che le aziende -ha detto Robert Bergonzi (presidente psicologi lombardi)- realizzino quanto affermano di voler fare: essere competitive grazie all'efficienza e non alla flessibilità della forza lavoro'.
 
Piccoli profeti crescono PDF Stampa E-mail
Scritto da etsrtatto da areabinaria   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

È la new wave americana di stampo pseudo/elitario e neospiritualistico. Affascinante ad un approccio superficiale, questa lettura di Rupert Sheldrake che rielabora in chiave contro/iniziatica la legge già esposta, in tutt'altro modo, da Julius Evola, dell’ IDIOVARIAZIONE Attenti al dettaglio !

Secondo la teoria di Sheldrake se un certo numero di persone sviluppa alcune
proprietà comportamentali o psicologiche od organiche, queste vengono
automaticamente acquisite da altri membri della stessa specie. Così se una
buona parte dell’umanità raggiunge un certo livello di consapevolezza
spirituale, questa stessa consapevolezza si estenderebbe per risonanza
morfica ad altri gruppi coinvolgendo quindi l’intero sistema (questo numero
di persone o comunque di individui appartenenti ad ogni altra specie in cui
si verificherebbe un analogo fenomeno é chiamato massa critica). Ogni
trasformazione individuale comporta una modificazione del sistema e chi si
trova all’interno di questo sistema viene inevitabilmente coinvolto.
Cominciamo quindi a trasformare noi stessi. Questo è il massimo che possiamo
fare. La trasformazione personale è l’arma più potente che si possa usare
per modificare l’umanità e l’intero pianeta. Questa esemplificazione
discende dalla controversa teoria della ‘causalità formativa’ di Sheldrake
che ovviamente implica un universo non meccanicistico, e governato da leggi
che sono esse stesse soggette a cambiamenti. Sheldrake dopo avere studiato
scienze naturali a Cambridge e filosofia ad Harvard conseguì il dottorato di
ricerca in biochimica a Cambridge nel 1967 diventando poi direttore del
dipartimento di biochimica e biologia cellulare della stessa Università, e
passando ad altri incarichi presso altri centri di ricerca. Tra le opere di
riferimento di S. vi sono A New Science of Life e The Presence of the Past,
nei quali espone la sua teoria della morfogenesi. Altre opere significative
di S. sono The Rebirth of Nature in cui esamina le implicazioni filosofiche
della morfogenesi, e i Trialogues at the Edge of the West che ha scritto con
Terence McKenna e Ralph Abraham, in cui analizza e dibatte molte idee sulla
natura della realtà.


 
EUROPEE: 250 MILIONI AI PARTITI PER LE SPESE ELETTORALI PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Sabato 12 Giugno 2004 01:00

I partiti riceveranno 250 milioni di euro per la campagna elettorale per le Europee.

La torta sara' ripartita in base alla percentuale che ciascuna forza politica otterra'. Il rovescio della medaglia sta nelle ingenti spese elettorali: Forza Italia ha stanziato 25 milioni, La Lista Prodi 8, e un singolo candidato puo' arrivare a spendere anche 500 milioni di lire, senza la prospettiva di un rimborso; a meno di essere eletto ed avere l'indennita' da parlamentare europeo.

Alle elezioni del 1999 fu applicata una legge sui rimborsi elettorali appena approvata che elargiva oltre 160 miliardi ai partiti: la somma si otteneva moltiplicando 3.400 lire per il numero dei cittadini iscritti nelle liste elettorali. Nel 2002 i rimborsi si sono quasi triplicati, e le 3.400 lire sono diventate 5 Euro. Il tutto grazie a una delle rarissime leggi approvate in un clima bipartisan. Inoltre gli iscritti alle liste elettorali, a causa dell'invecchiamento della popolazione, sono aumentati raggiungendo i 50.007.650. Cosi' nelle casse dei partiti arriveranno ora per l'esattezza 250.038.250 di Euro.

A questo punto un buon ''score'' significa per i partiti anche una boccata d'ossigeno o, in caso contrario, una mazzata alle esangui casse. Per intenderci un punto in percentuale vale 2,5 milioni di Euro (5 miliardi di lire).

Ma non e' tutto oro quello che luccica, perche' per vincere bisogna spendere. Forza Italia, (indipendentemente dalle risorse messe in campo dal candidato Berlusconi) nel 1999 spese 21 miliardi e 379 milioni di lire; la Lista Pannella di miliardi ne spese 16,2, i Ds 3,8, An e Patto Segni (allora alleati) 5,7, i Democratici 5,2, la Lega Nord 1,5, il Ppi 1,9, il Ccd 1,7, Rinnovamento Italiano 2,5, l'Udeur 1,6. Alla fine pero' i rimborsi elettorali, tranne Pannella e Ri, superarono le spese.

Per il 2004 i budget iniziali delle forze politiche viaggiano tutti a sei zeri. Forza Italia ha stanziato circa 25 milioni di Euro per la campagna, fatta non solo dai manifesti con Berlusconi che riempiono le citta'. Il partito ha per esempio pubblicato un libricino di 50 pagine destinato ai 250.000 iscritti in cui sono riportate le realizzazioni del governo e vengono confutate le ''menzogne'' dell'opposizione. Con questo strumento i 250.000 ''missionari'' dovranno convincere amici e parenti a votare per Forza Italia.

La Lista Prodi ha stanziato una cifra iniziale di 6 milioni di Euro per tutte iniziative, (manifesti, spot, incontri dei leader sul territorio), che pero' lievitera' fino a 8 milioni nell'ultima fase della campagna elettorale. I Verdi e L'Udeur di Mastella prevedono una spesa di 1 milione di euro.

Al Comitato elettorale della Lista Prodi spiegano che a onor del vero nel loro budget non sono comprese spese sostenute dalle strutture periferiche che a loro volta si autofinanziano grazie a donazioni. In effetti anche nel 1999 le sedi periferiche dei partiti del centrosinistra raccolsero discrete somme: per esempio i Ds di Bari raccolsero 35 milioni, quelli della Basilicata 61, quelli di Ferrara 100, quelli di Lecce 45, i Ds di Novara 50, i Ds della Puglia 30; altri 15 furono raccolti dalle sezioni di Arezzo, 64 a Bolzano, 49 a Ferrara, 50 a Milano, 12 a Pisa e 53 nel Trentino. Analoga l'efficienza delle sezioni del Ppi: 96 milioni ad Alessandria, 150 a Bari, 40 nel Friuli, 43 a Milano, 150 a Trento, 15 a Padova.

Chi ha solo spese e' invece il singolo parlamentare che si trova a correre una competizione difficilissima, perche' deve ottenere preferenze in una Circoscrizione che comprende 4-5 regioni. Le Europee possono costare anche 1 miliardo delle vecchie lire, come mostrano i resoconti del 1999. Ma nessun candidato ha svelato il suo budget.
 
Eutanasia: Australia, arriva la pillola fatta in casa PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Sabato 12 Giugno 2004 01:00

In Australia un medico ha messo a punto la formula di una pillola da produrre in casa per causare una morte 'pacifica, affidabile e legale'.

Il dott.Philip Nitschke, attivista in favore dell'eutanasia gia' noto per il suo 'sacchetto per suicidi', ha annunciato che sono in corso le sperimentazioni per valutare il grado di uniformita' con cui si puo' creare la pillola. Lo sviluppo della pillola e' descritto in un documentario che sara' presentato domenica al Festival del Cinema di Sydney.
 
Alla fiera dell’individualismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Sabato 12 Giugno 2004 01:00

Succede anche questo. Giovane padre trentunenne molestava i bambini della scuola media con atti libidinosi e frasi oscene. Presto ai domiciliari e di lì ce lo aspettiamo al Costanzo Show.

FIRENZE, Arrestato e condotto in un ospedale psichiatrico un uomo di 31 anni che, per settimane, ha terrorizzato i bambini di una scuola media. L'uomo mostrava loro gli organi genitali, masturbandosi, li palpeggiava sugli autobus e li inseguiva fino a casa per molestarli con frasi oscene. La vicendaè stata resa nota dai carabinieri:l'uomo ha precedenti penali specifici in materia di reati sessuali,è sposato edè in attesa di un figlio.

 
<< Inizio < Prec. 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.