Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Rastrellamenti! PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Giovedì 19 Agosto 2004 01:00

Continuano i rastrellamenti a Nablus. L'esercito israeliano continua a violare i diritti umani. E sembra che nessuno possa fermare l'oppressione del popolo palestinese. Italia e Israele insieme nell'Europa dei "popoli"? Sembra un reale pericolo all'orizzonte.

NABLUS. I soldati israeliani hanno rastrellato oggi circa 150 palestinesi in un campo profughi in Cisgiordania e li hanno richiusi in un cortile di una scuola. I soldati sono entrati nel campo di Ein Beit Ilma alle 6 di stamattina circa, e hanno ordinato agli uomini minori di 35 anni di uscire dalle case, hanno raccontato gli abitanti del campo.

Le circa 150 persone sono state poi portate in una scuola vicina
dove sono state trattenute nel cortile, chiuso con il filo spinato. Spezzoni di filmato televisivo mostrano gli uomini che si tolgono le magliette per mostrare che non indossano cinture esplosive mentre marciano.

Gli abitanti hanno riferito che gli uomini a mezzogiorno rimanevano ancora nel cortile. Mahmoud Kilani, che vive vicino alla scuola, ha detto che non è stato dato loro nulla da mangiare. L'esercito non ha rilasciato per ora commenti.

Da cinque giorni Israele compie operazioni a Nablus, la maggiore
città cisgiordana, ritenuta una roccaforte di militanti palestinesi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.