Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
O tempora PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Giovedì 09 Settembre 2004 01:00

In Cina scoperto un nido di dinosauri distrutti da un’eruzione vulcanica. 34 piccoli protetti dalla mamma. Tanto basta per commuoverci e stupirci. La natura ci è sempre più estranea.

ROMA - Un nido con 34 piccoli dinosauri stretti attorno a un adulto, forse sorpresi da un'eruzione vulcanica: e' la scoperta, fatta in Cina e descritta su Nature, che offre un'immagine completamente nuova del mondo dei dinosauri e ben lontana dall'immagine di creature terribili e aggressive. Il gruppo di paleontologi statunitensi dell' universita' del Montana li descrive come genitori affettuosi e che si prendevano cura dei loro piccoli per un lungo periodo.
Quello scoperto nella provincia di Liaoning, nel nord-ovest della Cina, e conservato nel museo Dalian di Storia naturale, e' un nido di Psittacosaurus, un piccolo dinosauro erbivoro dal becco simile a quello di un pappagallo, vissuto circa 110 milioni di anni fa. Il suo peso poteva variare da 25 a 80 chilogrammi, era alto poco piu' di un metro e poteva raggiungere i due metri di lunghezza.
''Si tratta di un esempio bello e convincente di cure parentali nei dinosauri'', ha osservato il responsabile della ricerca, David Varricchio. Il nido, scoperto nel 2003, e' infatti il primo esempio di come anche i dinosauri si prendessero a lungo cura dei loro piccoli.
E' anche una drammatica istantanea di un evento catastrofico avvenuto milioni di anni fa, quando una violenta eruzione ha bloccato i 34 piccoli nella posizione nella quale si trovavano in quel momento attorno all'adulto. Di quest'ultimo e' ancora ben visibile il cranio, mentre il resto dello scheletro si e' deteriorato. Sono invece ben visibili e conservati gli scheletri dei piccoli, che tutti insieme occupano una superficie di mezzo metro quadrato.
Non e' chiaro, dicono gli studiosi, se i piccoli siano tutti figli della stessa madre, ma tutti hanno le stesse dimensioni (la lunghezza del loro femore, ad esempio, e' compresa fra 30 e 34 millimetri). Tutti erano molto piu' sviluppati e con lo scheletro perfettamente formato rispetto ad un piccolo appena uscito dal guscio: cosa che fa pensare ai paleontologi che un adulto si prendesse cura di loro.
La loro posizione, osservano gli studiosi, suggerisce che siano stati sorpresi da una violenta eruzione vulcanica e seppelliti ancora vivi da una pioggia di materiali incandescenti.
Finora era noto che soltanto i loro successori, i moderni Arcosauri come i coccodrilli e gli uccelli, fossero genitori affettuosi. ''I moderni Arcosauri - osservano i ricercatori su Nature - sono genitori coscienziosi, assistono i loro piccoli quando le uova si sono schiuse, proteggendoli dai predatori, nutrendoli e tenendoli al caldo e al riparo del nido''. Tuttavia, la diversita' sia di questi animali sia degli ambienti in cui vivono aveva lasciato aperto il dibattito sulla possibilita' di rintracciare similitud
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.