Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Troppo cinema fa male: parola di Leni Riefensthal PDF Stampa E-mail
Scritto da Giampaolo   
Venerdì 24 Settembre 2004 01:00

Durante le riprese delle Olimpiadi del ’36 , un equipe di medici del Reich scoprì che la visione di pellicole cinematografiche per piu’ di 6 ore provocava un forte stress nello spettatore.

Quando la regista del secolo , Leni Riefensthal inizio’ le riprese per le Olimpiadi del ’36 capi’ che avrebbe dovuto visionare personalmente l’enorme quantita’ di materiale che veniva girato ogni giorno. Nonostante l’impresa fosse oggettivamente impossibile lei inizio’ con molto impegno quest’opera ma presto fu vittima di un forte stress che la costrinse a ridurre i ritmi di lavoro e talvolta a interromperli del tutto. L’allora ministro della propaganda Joseph Goebbels incarico’ un pool di medici di visitare la famosa paziente. Il responso degli scienziati fu che la Riefensthal aveva superato la soglia delle 6 ore continuative di visione di una pellicola cinematografica, incorrendo inevitabilmente in un fase di stanchezza e di stress, sia per la mente che per gli occhi. La lezione di sessant’anni fa probabilmente non e’ stata recepita, tanto che ancora oggi  molti organizzatori di cinefestival , compreso il recente Festival di Venezia , hanno proseguito imperterriti nel proporre programmi che prevedevano la visione di pellicole di molto superiori alle 6 ore, facendo si’ che gran parte delle proiezioni non fossero recepite ne’ comprese dal pubblico e rovinando completamente kermesse degne di nota come Venezia ‘61
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.