Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Qualcuno avrà difficoltà a scegliere PDF Stampa E-mail
Scritto da Corriere della sera   
Domenica 17 Ottobre 2004 01:00

Sarah Ferguson, la piccante duchessa che faceva scandali negli anni Ottanta, prova a rilanciare la sua sbiadita immagine posando nuda contro l’Aids. Si teme che l’effetto non sarà eccezionale

LONDRA - Ha posato nuda per beneficenza. Vista la moda crescente dei calendari non sarebbe strano. E anche la motivazione della «giusta causa» (raccolta di fondi a favore della ricerca sull'Aids) ha vari precedenti in Inghilterra (basti ricordare le non più giovani signore la cui storia è stata raccontata in «Calendar Girls»). Ma nel caso di Sarah Ferguson, irrequieta duchessa di York, ex moglie di Andrea, terzo figlio della regina Elisabetta d'Inghilterra, la scelta di posare nuda ha fatto scandalo. Con addosso solo dei gioielli e sandali rossi con tacco a spillo, Sarah Ferguson appare in un volume che contiene altri ritratti di nudo e intitolato «Four inches». I proventi andranno alla Fondazione creata da Elton John per combattere l'Aids.
L'IMMAGINE SUL «SUN» - «Subito dopo gli scatti, "Fergiè la rossa" è corsa a festeggiare il suo 45esimo compleanno insieme a tanti amici» si legge sul Sun, che pubblica la foto della duchessa senza veli. Ma l'immagine è tuttavia molto «castigata» e con lei nel libro ci sono altri nomi famosi immortalati dalla fotografa di moda Pamela Hanson. Tra le altre celebri top model come Kate Moss e Rachel Hunter e attrici come Rebecca Romijn-Stamos e Lara Flynn-Boyle. Tutte indossano soltanto i gioielli di Cartier e le calzature di Jimmy Choo, dai tacchi alti oltre dieci centimetri, ovvero quei «quattro pollici» del titolo del volume.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.