Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Io Io Io e ancora Io! PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom.it   
Martedì 23 Novembre 2004 01:00

In Texas una donna in depressione ha tagliato le braccia alla sua bambina uccidendola. Follia? Cattiveria? Non solo. é un'esternazione di un malessere diffuso che a volte buca la falsa immagine di una società felice e in "progresso"; ma in realtà priva di veri valori.

Era vittima della depressione post-parto e per questo una donna di 35 anni, colta da raptus, ha mozzato le braccia della sua bimba di 11 mesi per poi chiamare la polizia. Gli agenti di Plano nel Texas sono però giunti tardi: la bambina era già morta dissanguata. E con l'accusa di omicidio la madre della vittima è stata arrestata.

I servizi di protezione dell'infanzia avevano già indagato sulla madre, poco dopo la nascita della bimba in gennaio, perché c'erano sospetti di abusi, o di trascuratezza. Ma la bimba era rimasta con la donna.

Poco prima, il padre della bambina aveva chiesto all'asilo infantile di occuparsi della bambina e della madre, Dena Schlosser. E' stato il personale dell'asilo ad avvertire la polizia dopo aver parlato con la donna. L'operatore ha chiesto alla donna se si trattasse di una cosa urgente. E lei ha risposto semplicemente "sì". "Che cosa è successo?" ha chiesto l'operatore. "Le ho tagliato le braccia" ha risposto la donna.

Al loro arrivo all'appartamento della famiglia, i poliziotti hanno trovato la neonata in una camera con le due braccia tagliate. La Schlosser, ricoperta di sangue, era seduta nel suo salotto. La bambina è morta all'ospedale. Le sorelle della vittima, di sei e nove anni, erano a scuola e il loro padre al lavoro, quando sono arrivati gli agenti.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.