Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Albione ? Era meglio da perfida Stampa
Scritto da Ansa   
Giovedì 02 Dicembre 2004 01:00

Le filastrocche britanniche per addormentare i bambini sarebbero colme di horror e di violenza ? È quanto affermano quei poveri idioti di psicologi inglesi, affetti, loro si, da turbe inguaribili.

LONDRA – Le filastrocche e le ninne nanne conterrebbero molte più scene di violenza rispetto ai programmi televisivi in onda prima dell’ora in cui i bambini vanno a letto. E’ quanto affermano i ricercatori dell’ospedale pediatrico di Bristol (Gran Bretagna) che hanno analizzato i programmi in onda in televisione prima delle , ora in cui (in Inghilterra) termina la fascia protetta che vieta di trasmettere scene violente o sessualmente esplicite. Secondo loro, in un’ora di trasmissione si verificano in media cinque episodi violenti, mentre nelle filastrocche e nelle favole della buonanotte, l’incidenza di tali episodi aumenta fino a 52, in un’ora di lettura. “Six-in-a-bed”, una ninna nanna in cui sei bambini si contengono un posto in un letto, ad esempio, è stata bollata come la più violenta, in quanto cinque di essi vengono buttati giù dal letto. “Oranges and Lemmon” contiene, invece, la rima “ecco che arriva il taglialegna a tagliarti la testa”, bollata come la frase più esplicitamente violenta di tutte. I ricercatori hanno sottolineato che anche se tali riferimenti alla violenza sono raramente espliciti e mai grafici come le immagini in televisioni, l’immaginazione dei bambini può essere molto potente e le filastrocche potrebbero turbare i più sensibili. E’ stata scomodata persino la saga di Harry Potter, secondo gli studiosi, piena di esempi di bullismo, lotte, furti, menzogne e omicidi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.