Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Eppure PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Lunedì 09 Novembre 2015 00:09


Se anziché una gaffe fosse un delicato omaggio?

Se fosse il 1° aprile si potrebbe pensare ad un classico «pesce». È novembre, però, e l’intitolazione, a Settimo Torinese, di un vicolo cieco a Louis Braille, inventore dell’alfabeto per non vedenti, sembra una presa in giro.  

«Quell’intitolazione - si affretta a spiegare il sindaco, Fabrizio Puppo - è stata decisa nel 2008 dalla precedente amministrazione, e quella via non doveva finire in aperta campagna come ora, ma essere collegata ad un’altra via e lo sarà quando quella zona sarà completamente urbanizzata. Proprio come è stato previsto».  

L’Apri, l’associazione ipovedenti e retinopatici che al Comune di Settimo come a quelli della provincia di Torino avevano chiesto di dedicare una via a Braille prende la scelta di Settimo con filosofia: «Non credo il Comune abbia voluto farci un dispetto. Almeno ha accolto la nostra richiesta al contrario di tanti altri». 

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.