Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Chiamatemi Carmino! PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Martedì 09 Gennaio 2018 00:49


Deve morire per forza il maschio

 

Finale involontariamente comico di «Carmen» l'altra sera alla prima rappresentazione del nuovo allestimento dell'Opera di Firenze. In questi ultimi giorni aveva fatto molto discutere l'idea del regista Leo Muscato che fosse la gitana a uccidere Don José anziché il contrario, previsto dal libretto dell'opera di Bizet: una scelta certamente impropria ma avallata dal sovrintendente Cristiano Chiarot in nome della contrarietà al femminicidio.
Ma quando è giunto infine il momento fatale, la pistola di Carmen si è inceppata: niente sparo, dunque, anche se Don José è «morto» lo stesso. Per certi versi si può dire che questo finale imprevisto ha chiuso un cerchio. Carmen era nata nel 1875 all'Opéra-comique di Parigi e si è conclusa stasera in un modo che più comico era difficile immaginare.

Ultimo aggiornamento Martedì 09 Gennaio 2018 17:18
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.