Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'Inghilterra non sa più come uscire dall'Exit PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Mercoledì 28 Febbraio 2018 00:12


Contraccolpi economici e finanziari, paralisi politica, Londra annaspa

Perderà la funzione di centro dei servizi finanziari per la Ue; i settori chimico, farmaceutico e aeronautico rischiano grosso; le stesse proposte di Corbyn rischiano di essere impraticabili e paralizzerebbero le industrie britanniche. Il voto per l'Exit che non benediremo mai abbastanza per come ha inferto alla Gran Bretagna una sconfitta strategica che attendevamo da oltre tre secoli sta portando i politici inglesi a capriole impossibili come quella che segue.

Il Labour «rispetta il risultato del referendum» sulla Brexit, ma è favorevole a una «relazione su misura e negoziata con l’Ue per il futuro». Lo ha detto a Coventry il leader laburista, Jeremy Corbyn, in un discorso in cui ha confermato la svolta a favore di una nuova unione doganale. Corbyn ha detto che nella transizione la Gran Bretagna dovrà restare nell’unione doganale e nel mercato unico, «con le regole esistenti». Mentre per il dopo ha sottolineato la priorità dei rapporti commerciali con l’Ue rispetto a quelli con Paesi terzi.
Quanto al mercato unico, Corbyn ha invece invocato «una forte relazione» a divorzio sancito, ma non la permanenza del Regno al suo interno. Una relazione «senza tariffe» e basata sul rispetto di «diritti, standard e tutele» previste attualmente dalla normativa europea, sottolineando peraltro l’ambizione laburista di concordare «esenzioni» sulle direttive riguardanti la concorrenza nei servizi pubblici e contro la strategia delle privatizzazioni a tappeto.
In polemica col governo Tory di Theresa May, il numero uno del Labour ha quindi detto no a una Brexit fatta di «barricate», no alla tentazione di fare degli immigrati «un capro espiatorio» e no a «una guerra fra le generazioni»

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.