Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non ci sono più le droghe di una volta PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Venerdì 09 Marzo 2018 00:44


Quelle di oggi annoiano. Come tutto oggi: politica, calcio, cinema, televisione e gente

Keith Richards e la droga (ma volendo anche il whisky e le donne) si danno del tu da sempre. Lui, la ruga umana, la sindone di se stesso, è un miracolo vivente, l’esempio in carne e ossa — e ancora respirante — che nonostante i vizi si può serenamente arrivare fino a 74 anni. In un’intervista al Telegraph il chitarrista dei Rolling Stones ha parlato della sua nuova dieta stupefacente, finalmente misurata: «Attualmente non tocco nulla da un paio di mesi», che per lui deve essere una sorta di record. Anche se mette subito le cose in chiaro: «Non dico di esserne definitivamente uscito, fra sei mesi potrei ricaderci». Par di capire che il problema non è affatto salutista, ma piuttosto una questione chimica: «Le droghe di oggi non sono più interessanti, sono molto istituzionalizzate e noiose. E comunque, le ho fatte tutte». Perché lui è un empirista, per lui l’esperienza è l’unico fondamento del conoscere dal punto di vista oggettivo. Insomma la sua filosofia è provarle tutte. Del resto si è definito «un abile farmacista» e probabilmente sa cucinare cristalli di metanfetamina come il Walter White di Breaking Bad.
L’abc delle cattive abitudini
In verità qualche vizio se lo è tenuto, ma è roba da boyscout, l’abc delle cattive abitudini. Ovvero «caffè e sigarette», per lui l’equivalente della camomilla. Sul tema della droga negli anni Keith Richards ha regalato una serie di riflessioni che sono diventate un’antologia. Egoista: «Non invito nessuno a fare quel che faccio io. E perché dovrei? Ne resta di più per me». Spaccone: «La cosa più strana che ho sniffato? Mio padre. Era stato cremato e non ho potuto resistere alla tentazione di farmi un tiretto con le sue ceneri miste a cocaina». Di buone maniere: «Il massimo della maleducazione? Andare in overdose mentre sei ospite a casa d’altri». Matrimoniale: «L’eroina è stata come una moglie per me e il divorzio non mi certo è costato poco». Assolutorio: «Io non ho mai avuto problemi con la droga. Ho avuto problemi con la polizia»

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.