Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Mary Poppins è passata di lì PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Giovedì 10 Maggio 2018 00:24


La terra si gonfia sotto i piedi

Nel Regno Unito c’è un paese che si sta letteralmente «sollevando». Si tratta di Willand, un borgo di seimila anime che sta facendo scervellare anche i geologi più esperti per la sua «crescita» senza soluzione di continuità di due centimetri all’anno. 
Un fenomeno che per il momento è impercettibile da chi ci abita. E così com’è difficile percepire la differenza, lo è altrettanto trovare una motivazione. Non ci sono miniere o pozzi petroliferi in zona e al momento non ci sono spiegazioni geologiche al fenomeno.
Un mistero ancora tutto da svelare, testimoniato dai satelliti che inquadrano la campagna britannica. Lo studio dell’innalzamento dei suoli è infatti avvenuto grazie alle duemila immagini radar fornite da Sentinel-1, con cui è stato possibile misurare la variazione del terreno nel tempo con una precisione millimetrica.
E anche se due centimetri all’anno potranno sembrare pochi, fra qualche millennio Willand potrebbe essere più alta di decine di metri. Secondo Abdy Sowter del Geomatic Ventures Limited «si può trovare una spiegazione per il 99 per cento dei casi di terreno in movimento. Ma quel che accade a Willand è al momento senza risposta». 
Si pensa che molto tempo fa sotto Willand ci fosse una falda acquifera che, per motivi ignoti, si sia prosciugata e che per motivi altrettanto sconosciuti si stia nuovamente riempiendo, provocando la spinta che sta sollevando il paese. Ma si tratta di una spiegazione che chiarirebbe solo in parte il fenomeno.
Una caratteristica davvero insolita, che conferisce al villaggio un fascino tutto suo. E nonostante non possa vantare importanti siti di interesse turistico, questa nomea sta attirando sempre più curiosi, oltre a creare non poche preoccupazioni anche a chi sta progettando la linea ferroviaria ad alta velocità che passerà proprio da questa città «lievitante».

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.