Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
No Euro? No. Euro! PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Lunedì 11 Giugno 2018 00:19


Basta con le bambinate

Per chi percorre gli stradoni a nord di Milano quelle scritte sono diventate familiari, negli anni. La più classica, “Lega Nord Padania”, affiancata ormai da alcuni anni dal simbolo “Basta euro”. Eppure nei giorni scorsi, all’improvviso, le due scritte sul muro di cinta posteriore della sede della Lega di via Bellerio, quello che affaccia su viale Enrico Fermi, sono scomparse. Il muro è candido, imbiancato di fresco.
Cosa è accaduto? Difficile non pensare alle fibrillazioni politiche degli ultimi giorni, con la nascita del governo gialloverde, Lega e Movimento 5 Stelle, appesa a quelle dichiarazioni di uscita dalla moneta unica europea così care ai due partiti, al Carroccio di Matteo Salvini in particolare, e al professor Savona, che il presidente della Repubblica Mattarella non ha voluto come ministro dell’economia proprio per le sue battaglie no euro.
Dal quartier generale di via Bellerio filtra soltanto che i muri della sede sono in manutenzione, e che non c’è nessun motivo legato alla crisi di governo. Di certo, mentre quello due grandi scritte sono scomparse, su altre parti di muro si possono ancora leggere le scritte “Lega Nord” e “La libertà vince”. All’euro sì o no, nessun riferimento.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.