Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Tradizione in corte PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Lunedì 18 Giugno 2018 00:15


So british il nuovo matrimonio

Lord Ivar Mountbatten, cugino della Regina Elisabetta, due anni fa aveva fatto notizia come primo membro della Royal Family ad aver fatto coming out: aveva annunciato di essere bisessuale e di voler convivere con il proprio compagno, James Coyle, steward 56enne conosciuto in Svizzera.
Figlio cadetto di David Michael Mountbatten e discendente diretto delle regina Vittoria, Lord Ivar, 55 anni, sposato per 16 anni, dal 1994 al 2011, con Penelope Thompson da cui ha avuto tre figlie, in una lunga intervista al Daily Mail nel 2016 aveva raccontato la sua storia, primo coming out pubblico in casa Windsor.
Accompagnato sull’altare dalla ex moglie
Ora allo stesso tabloid britannico Lord Mountbatten affida un altro annuncio destinato a fare storia: alla fine dell’estate convolerà a nozze con il compagno James nella cappella privata della sua magnifica tenuta a Devon: sarà il primo matrimonio gay nella Royal Family. Ad accompagnare sull’altare Lord Ivar sarà nientemeno che la sua ex moglie Penny.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.