Colazione da Tiffany Stampa
Scritto da corriere.it   
Giovedì 13 Settembre 2018 00:30


o giù di lì

 

 

Pensava, in un hotel 5 stelle da oltre mille euro a notte, di non dover ricorrere alla cassaforte e di poter lasciar incustoditi i gioielli nella suite. Ma, anche lei, si è sbagliata. E’ una principessa, membro della casa reale saudita, l’ultima prestigiosa vittima dei topi d’albergo che stanno infestando il celebre Ritz sulla Place Vendome, nel pieno centro storico di Parigi . Un lavoro a colpo sicuro: nessun segno d’infrazione sulla porta. E’ la seconda rapina quest’anno: a gennaio un gruppo di ladri sfondò a colpi d’ascia le vetrine delle gioiellerie ospitate al piano terra dell’edifico, fuggendo con un mucchio di preziosi.

I precedenti

Nonostante il prestigio della zona - o forse proprio per questo - i furti d’ogni genere, a mano armata e con destrezza, sono tutt’altro che rari. Dentro e fuori il Ritz, noto anche per esser stato l’ultimo posto ad aver ospitato nel 1997 un’altra principessa, la ben più nota Diana Spencer, che dall’albergo partì nella tragica fuga verso l’appartamento del compagno Dodi Al-Fayed. Il presidio permanente della polizia, non ha scoraggiato i malviventi del quartiere. Nel dicembre 2017, in una delle molte boutique di lusso affacciate sulla strada, un uomo riuscì a sostituire due diamanti e due anelli del valore di 5,5 milioni con dei falsi. Nell’ottobre 2016, la star tv Kim Kardashian fu vittima di una rapina a soli 10 minuti a piedi dal Ritz, in cui le furono portati via milioni di dollari di gioielli.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Settembre 2018 08:38