Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Breakshit PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Giovedì 14 Febbraio 2019 00:22


Gli inglesi in sofferenza

L'economia inglese tira il freno sotto il peso della Brexit: nel quarto trimestre la crescita si è fermata allo 0,2%, dopo il +0,6% dei tre mesi precedenti. Lo comunica l'ufficio statistico. Nel solo mese di dicembre, con l'elevata incertezza sull'eventualità di un mancato accordo con l'Ue che ha colpito gli investimenti, l'economia ha segnato un calo dello 0,4%. Nell'intero 2018 la crescita è stata dell'1,4% e la banca d'Inghilterra prevede una frenata ulteriore a 1,2% quest'anno.
Il dato complessivo sul Pil britannico nel 2018 (+1,4%) diffuso oggi dall'ufficio statistico del Regno (Office for National Statistics, Ons) segna il livello di crescita annuale più basso dal 2012. Lo sottolineano i media. Secondo Rob Kent-Smith, responsabile delle stime sul Prodotto Interno Lordo nell'Ons, il rallentamento dell'economia nazionale "degli ultimi tre mesi" (+0,2% in totale, con un -0,4 a dicembre) è legato in particolare "al calo registrato nel settore manifatturiero dell'auto e dell'acciaio, e anche a una contrazione nell'edilizia". Tutte realtà che, seppure in parte, hanno risentito nel giudizio prevalente di operatori e analisti delle incertezze sulla Brexit. "Tuttavia - ha aggiunto Kent-Smith - va notato come il settore dei servizi continui a crescere e come vadano bene la sanità, la consulenza d'impresa e l'information technology (IT)".

Barnier, non riapriremo l'accordo sul divorzio - "Bisogna che qualcosa nel Regno Unito si muova" per uscire dall'impasse sulla Brexit. "La chiarezza deve venire da Londra, è a Londra che devono trovare il modo per costruire una maggioranza positiva". Così il capo negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, in vista dell'incontro col ministro britannico per la Brexit Stephen Barclay, rispondendo ad alcune domande ad una conferenza stampa congiunta col premier del Lussemburgo Xavier Bettel.
La settimana scorsa è stato deciso di avviare "nuove discussioni per fare tutto il possibile per uscire dall'impasse" sulla Brexit alla Camera dei Comuni, "ma non riapriremo l'accordo" di divorzio, che contiene il backstop, il meccanismo di garanzia sulle frontiere in Irlanda. Così il capo negoziatore dell'Ue per la Brexit Barnier, in una conferenza stampa col premier del Lussemburgo Xavier Bettel.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.