Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
I cialtroni dei pagamenti via card PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Mercoledì 06 Novembre 2019 00:10


Non servono per evitare evasioni e non garantiscono riduzioni di costi

I principali responsabili italiani dei circuiti dei pagamenti Bancomat, Visa, Mastercard e American Express sono tutti d’accordo: non ci sono margini per ridurre i costi delle commissioni per i pagamenti con carte. Infatti l’industria è già efficiente e ha ridotto i costi anche a seguito delle novità regolatorie. Questo è stato spiegato in occasione dell’audizione presso la commissione Finanze della Camera sul decreto fiscale. Inoltre le commissioni applicate sulle transazioni con carte e bancomat sui circuiti nazionali e internazionali sono in linea, se non inferiori, alla media europea.
“Noi, come circuiti, fissiamo un costo per i nostri clienti che sono le banche - ha spiegato l’amministratore delegato di Bancomat, Alessandro Zollo - il nostro livello commissionale non è superiore, anzi a volte è inferiore, a quelli europei”. “Noi siamo parecchio sotto la media europea come costo di circuito”, ha aggiunto Enzo Quarenghi, country manager di Visa Italia. Sulla stessa linea Giovanni Speranza di American Express che ha evidenziato come “per i piccoli esercenti la commissione sia dello 0,90%: quindi su 60 euro sono 50 centesimi”.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.