Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Chi non fa la guerra non sa più fare l’amore PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Lunedì 05 Luglio 2004 01:00

Il maschio italiano ? Una bufala come quasi ogni maschietto occidentalizzato, mammizzato e americanizzato. Tanto che solo una donna su venti ne risulta soddisfatta. Non che siano rimaste in tante ad essere seducenti nello zoo dell’individualismo moderno.

Le italiane bocciano il proprio partner: soltanto il 5,1% si ritiene infatti soddisfatta della propria vita sessuale: ma tra le cause figurano anche i disturbi ginecologici che condizionano i rapporti di coppia. E' quanto risulta da un'indagine SWG commissionata da Novo Nordisk su 1001 donne tra i 20 e i 55 anni. Tra le piu' "insoddisfatte" le donne tra i 45 e i 55 anni: soltanto il 27,7% si e' detta gratificata dai rapporti intimi mentre tra i 20 e 34 anni la soddisfazione sessuale sale al 58,4%. Contro la 'piena soddisfazione' sessuale si sono espresse il 41,1% delle intervistate, mentre il 31,5% si e' dichiarata 'abbastanza' (ma non pienamente) soddisfatta, e il 22,3% ha preferito non rispondere. Tra le piu' "esigenti" figurano le donne over 40 e in particolare tra i 45 e i 55 anni, spesso in menopausa, che ritengono molto importante una vita sessuale appagante ma poi risultano essere proprio le meno soddisfatte. Non e', pero', soltanto un problema di partner, spesso i disturbi sono di ordine medico-scientifici: il 41,3% delle donne ha problemi nel raggiungimento dell'orgasmo, il 38,8% del desiderio sessuale e il 32,4% ha disturbi legati all'eccitazione. "Ci sono quindi piu' disturbi non solo in ambito sessuale ma anche di ordine ginecologico e urologico", ha sottolineato la prof.ssa Alessandra Graziottin, direttore del centro di ginecologia e sessuologia medica al San Raffaele Resnati di Milano sottolineando che il 53,7% delle donne intervistate considera diffuse le cistiti, seguite da vaginiti (48,8%), secchezza vaginale (37,4%, la piu' conosciuta in menopausa) e incontinenza da urgenza (36,3%) tanto che il 4% arriva ad interrompere i rapporti sessuali con il proprio partner.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.