Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Come ti falsifico la storia con una cinepresa.... PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Lunedì 02 Agosto 2004 01:00

Forte protesta degli inglesi che accusano Hollywood di falsificare la storia soprattutto nei film riguardanti la seconda guerra mondiale. Eroi inglesi sostituiti con eroi americani, questa l'accusa. Ma cosa direbbero allora gli sconfitti (italiani, tedeschi e giapponesi), se potessero parlare??

Robin Hood che fugge dai turchi durante le crociate. Le forze alleate "oscurate" da quelle americane durante il salvataggio del soldato Ryan. Le monete usate nel film Troy, un'epoca in cui il conio non era ancora stato inventato. Gli inglesi non ne possono più degli strafalcioni storici che Hollywood propina agli spettatori dei suoi film. Specialmente quando si tratta di eroi e di storia inglesi. Così il capo dell'English Heritage, l'organizzazione pubblica per la salvaguardia del patrimonio storico, si è sfogato con un noto quotidiano inglese: "E' una grottesca distorsione", ha detto Simon Thurley, ex direttore del museo di Londra e importante storico.

I film storici vanno per la maggiore e proprio per questo, sostiene Thurley, sceneggiatori e registi dovrebbero preoccuparsi di non travisare gli episodi e, ancora peggio, di trasformare eroi inglesi in eroi americani. "Una delle mie preoccupazioni principali - dice - è che i ragazzi lasciano la scuola con delle immagini della storia inglese che vengono quasi esclusivamente dai film".

Uno dei periodi più bistrattati è il medioevo. "Sono tutti molto, molto pigri. Si parla di 'medioevo' e la gente dev'essere per forza sporca". Primo esempio, la storia di Robin Hood, il mitico eroe della foresta di Sherwood, ha subito delle manipolazioni "incredibili" durante la lavorazione del film di Kevin Kostner. Sebbene le gesta de Il principe dei ladri siano al confine tra storia e leggenda, il regista ha fatto fuggire Robin Hood dai mori e gli ha fatto uccidere il temuto sceriffo di Nottingham. Due episodi che, nonostante le diverse versioni della storia di Robin Hood, non erano ancora mai venute fuori.

Altri strafalcioni si sono visti nei "war-movie", specie in quelli sulla Seconda Guerra Mondiale. Da Salvate il soldato Ryan, ambientato durante lo sbarco in Normandia, sono state del tutto cancellate le "forze alleate": al loro posto, sempre le forze americane. Una questione che già all'epoca dell'uscita del film aveva scatenato le polemiche tra i reduci di guerra. In un altro spettacolare film, U-571, i sottomarini inglesi, che erano al centro della storia, sono stati sostituiti con quelli statunitensi.

"L'ironia - continua Thurley - è che Hollywood si vanta che i film siano basati su 'storie vere'. Non gli interessa affatto la verità, ma, allo stesso tempo, sono ossessionati dal mettere l'etichetta 'vero' sui loro film, perché sanno che è un modo vincente per vendere i biglietti al botteghino". Come nel caso di Troy, il colossal con Brad Pitt. La storica Bettany Hughes svela un clamoroso errore nel film: "I defunti in abiti greco- romani vengono cremati con le monete sugli occhi. Ma le monete non erano ancora state inventate".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.